In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Incidenti stradali in aumento, soprattutto in Calabria. Istat: più che nel resto d’Italia

Calabria Cronaca

Nel 2016 si sono verificati in Calabria 2.851 incidenti stradali, che hanno causato la morte di 117 persone e il ferimento di altre 4.868.

Rispetto al 2015 aumentano sia gli incidenti (+4,3%) che i feriti (+3,6%), con incrementi percentuali molto superiori a quelli rilevati nell’intero Paese (rispettivamente +0,7% e +0,9%).

Il numero di vittime della strada ha un trend opposto a quello nazionale: in Calabria si registra un aumento del 24,5% mentre in Italia si registra un calo del 4,2%.

I Programmi d’azione europei per la sicurezza stradale, per i decenni 2001-2010 e 2011-2020, impegnano i Paesi membri a conseguire il dimezzamento dei morti per incidente stradale con una particolare attenzione, nel decennio in corso, agli utenti vulnerabili.

Nella nostra regione, nel periodo 2001-2010 le vittime della strada si sono ridotte del 20,2%, meno della media nazionale (-42,0%); nel periodo 2010-2016 si registrano variazioni, rispettivamente di -15,2% e -20,2%. Sempre fra il 2010 e il 2016 l’indice di mortalità rimane stabile sia sul territorio regionale (4,1 morti ogni 100 incidenti) che a livello nazionale (1,9).

MUOIONO TROPPI BIMBI E TROPPI PEDONI

In Calabria, nel 2016, l’incidenza degli utenti vulnerabili per età (bambini, giovani e anziani), deceduti in sinistri, è superiore alla media nazionale (48,7% contro 46,1%) con la differenza più ampia fatta registrare dai giovani (Calabria 19,7%, Italia 12,7%).

Guardando invece agli utenti vulnerabili secondo il ruolo che hanno avuto nell’incidente (conducenti/passeggeri di veicoli a due ruote e pedoni) il loro peso relativo (sul totale dei deceduti) misurato nella regione è inferiore nel 2016 a quello nazionale (29,1% contro 49,3%). Tra il 2010 e il 2016, l’incidenza di pedoni deceduti è aumentata in Calabria (passando da 10,1% a 12,8%), così come nel Paese nel complesso (da 15,1% a 17,4%).

SINISTRI: UN COSTO DA 400 MILIONI PER I CALABRESI

I costi sociali degli incidenti stradali quantificano gli oneri economici che, a diverso titolo, gravano sulla società a seguito delle conseguenze. Nel 2016 il costo dell’incidentalità con danni alle persone è stimato in oltre 17 miliardi di euro per l’intero territorio nazionale (286,8 euro pro capite) e in poco più di 400 milioni euro (209,8 euro pro capite) in Calabria; la regione incide per il 2,4% sul totale nazionale.

Tra il 2015 e il 2016 l’indice di lesività diminuisce lievemente, da 172 feriti ogni 100 incidenti a 170,8; l’indice di mortalità aumenta da 3,4 a 4,1 decessi ogni 100 incidenti e quello di gravità (misurato dal rapporto tra il numero dei decessi e la somma di decessi e feriti moltiplicato 100) da 2 a 2,4 (Figura 3).

LE STATALI 106 E 18 LE PIÙ PERICOLOSE

La pericolosità rimane alta lungo le coste, sulla SS106 e sulla SS18, sia nel tratto Cosentino sia Catanzarese della SP19 e nei comuni a nord di Cosenza fino all’alto Jonio. Nel 2016 più della metà degli incidenti (1.631, il 57,2% del totale) si è verificato sulle strade urbane, provocando 38 morti (32,5% del totale) e 2.622 feriti (53,9%).

Rispetto all’anno precedente il numero dei sinistri resta pressoché invariato in ambito urbano (+ 0,2% ) mentre invece aumenta del 9,1% sulle altre strade extraurbane, e del 14,3% sulle autostrade. Gli incidenti più gravi continuano ad avvenire in ambito extraurbano (4,5 decessi ogni 100 incidenti in autostrada e 7,1 sulle altre strade).

OCCHIO ALLE INSIDIE DEI RETTILINEI

Circa la metà degli incidenti stradali avviene lungo un rettilineo (50,7%), sia sulle strade extraurbane (54,9%) che su quelle urbane (47,6%). In ambito urbano gli incidenti che si verificano in corrispondenza degli incroci rappresentano il 28,6% del totale, seguono quelli che avvengono nei pressi di una intersezione (11,8%) e in curva (7,4%).

Lungo le strade extraurbane il 29,7% degli incidenti si verifica in curva, il 6,1% nei pressi di una intersezione e il 4,6% in corrispondenza di un incrocio (Figura 4 e Cartogrammi in allegato). Nel periodo primaverile ed estivo la concentrazione degli incidenti è più elevata, in coincidenza con la maggiore mobilità legata a periodi di vacanza.

Tra maggio e settembre si contano 1.358 incidenti (il 47,6% di quelli avvenuti durante l’anno) in cui hanno subìto lesioni 2.287 persone (47%) e 59 sono decedute (50,4%, Figura 5).

DALLE 4 ALLE 5 GLI ORARI CRITICI

Oltre il 78% degli incidenti ha luogo tra le 8 e le 20, ma l’indice di mortalità raggiunge i valori più elevati tra le 4 e le 5 del mattino (19,1 morti ogni 100 incidenti) e tra la mezzanotte e l’una (17,5), con valori di molto superiori alla media giornaliera (4,1).

L’indice di mortalità dei soli incidenti notturni è pari a 9,1 decessi ogni 100 incidenti. I valori massimi della mortalità sono stati raggiunti nelle notti del venerdì e del sabato dove si registrano 10 decessi ogni 100 morti.

ANCHE IN CITTÀ IL PERICOLO È DIETRO L’ANGOLO

In Calabria il 44% degli incidenti stradali è concentrato nei Poli urbani; considerando anche le Aree di cintura, che comprendono i comuni più prossimi ai Poli, si arriva al 59,4% del totale. Nei comuni delle Aree interne, caratterizzate da distanze superiori ai 20 minuti di percorrenza dai Poli urbani, gli incidenti rappresentano il 40,6% del totale regionale.

Nel totale dei Centri il numero delle vittime è aumentato del 29,3% rispetto al 2015 e l’aumento del numero di morti ha interessato tutte e tre le tipologie di comuni (Polo +8,3%, Polo intercomunale +60,0%, Cintura +58,3).

Nelle Aree Interne si osservano incrementi sia delle vittime (+20,8%), che degli incidenti (+7,9%) e dei feriti (+4,2%), dovute soprattutto alle dinamiche rilevate nei comuni Intermedi, dove gli incidenti aumentano del 12,9%, i feriti dell’8,5% e i morti del 50% (Prospetto 2).

IL FRONTALE-LATERALE LO SCONTRO PIÙ DIFFUSO

La maggior parte degli incidenti stradali avviene tra due o più veicoli (69%); la tipologia di incidente più diffusa è lo scontro frontale-laterale (926 casi, 30 vittime e 1.769 feriti), seguita dal tamponamento (516 casi, 12 decessi e 1.030 persone ferite). La tipologia più pericolosa è la caduta da veicolo (11,8 decessi ogni 100 incidenti); seguono lo scontro frontale (10,6), l’urto con ostacolo accidentale (7,9). Gli incidenti a veicoli isolati risultano più rischiosi, con una media di 5,9 morti ogni 100 incidenti, rispetto a quelli che vedono coinvolti più veicoli (3,3 decessi).

LE CAUSE MAGGIORI? DISTRAZIONE, VELOCITÀ E PRECEDENZE

Nell’ambito dei comportamenti errati di guida, la guida distratta, il mancato rispetto delle regole della precedenza e la velocità troppo elevata sono le prime tre cause di incidente (escludendo il gruppo residuale delle cause di natura imprecisata).

I tre gruppi costituiscono complessivamente oltre il 40% dei casi. Considerando solo le strade extraurbane, la velocità troppo elevata incide per il 22,6%; la guida distratta per il 15,1% e la mancata distanza di sicurezza per il 10,2% (Tavola 14, in allegato).

Il tasso di mortalità standardizzato è pari a 5,8 morti in incidenti stradali ogni 100mila abitanti, ma sale a 8,1 per gli ultra 64enni e a 11,1 nella fascia di età compresa tra i 15-29 anni. I conducenti dei veicoli coinvolti rappresentano il 63,2% delle vittime e il 61,4% dei feriti in incidenti stradali, le persone trasportate il 23,9% dei morti e il 33,0% dei feriti, i pedoni il 12,8% dei deceduti e il 5,6% dei feriti. Il 73,3% dei pedoni in incidenti stradali appartiene alla classe di età 65+, mentre il 58,8% dei pedoni feriti ha più di 44 anni. L’indice di lesività standardizzato è pari a 293,3 con punte più elevate tra i 15-29enni (455,6) e i 30-44enni (300).