In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Accolto il ricorso Codacons. Tar blocca il Piano regionale contro il gioco d’azzardo

Calabria Cronaca

Il Tar del Lazio ha accolto il ricorso del Codacons con cui erano stati contestati i criteri per l’assegnazione dei fondi del gioco d’azzardo. Il Piano regionale è stato quindi bloccato e con esso anche i finanziamenti pubblici concessi dal Ministero della salute alle regioni che hanno presentato il Piano di contrasto al gioco d’azzardo.

L’articolo 1, coma 946, della legge 28 dicembre 2015, 208 stabiliva che “al fine di garantire le prestazioni di prevenzione, cura e riabilitazione rivolte alle persone affette dal gioco d'azzardo patologico (GAP), come definito dall'Organizzazione mondiale della sanità, presso il Ministero della salute è istituito il Fondo per il gioco d'azzardo patologico (GAP). Il Fondo è ripartito tra le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano sulla base di criteri determinati con decreto del Ministro della salute”.

Il piano approvato dalla Calabria prevedeva l’utilizzo di oltre 1,6 milioni di euro di fondi stanziati dal Ministero, coinvolgendo diversi enti ed associazioni.

Il tribunale amministrativo ha dunque accolto il ricorso del Codacons che contestava l’illegittimità dei criteri seguiti per l’assegnazione, e ha ritenuto che la mancata consultazione dell’Osservatorio per la prevenzione della ludopatia costituisce "un rilevante vulnus procedimentale il quale, elidendo l'efficacia della fase consultiva, comunica la propria illegittimità all'intero seguito procedimentale di approvazione dei Piani di attività, di erogazione delle risorse e di successiva attribuzione delle stesse ai soggetti eventualmente indicati nei medesimi Piani".

“Si tratta di una importantissima vittoria che non ferma la lotta al gioco d’azzardo, ma anzi la potenzia, garantendo che i soldi pubblici vadano realmente al contrasto della ludopatia, attraverso una scelta seria dei soggetti destinatari dei finanziamenti, senza favoritismi o sistemi clientelari che danneggiano la collettività” – commenta il presidente Codacons, Carlo Rienzi.