In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Rossano, opposizione in visita all’ospedale: “Preoccupazione per il futuro”

Cosenza Salute

Questa mattina i consiglieri di opposizione del Comune di Rossano Antoniotti, Caracciolo, Grillo, Scorza, Stasi, Rapani e Vulcano si sono recati presso lo Spoke Rossano-Corigliano e in particolare presso il nosocomio di Rossano per verificare le condizioni del reparto di nefrologia a seguito delle indiscrezioni relative allo spostamento dello stesso presso altri presidi ospedalieri.

La visita non si è limitata al solo reparto in questione ma è proseguita presso la direzione dello Spoke Rossano-Corigliano, ed al termine della stessa i consiglieri si sono detti fortemente preoccupati sia per il destino del reparto di nefrologia, sia, più in generale, per il futuro dello Spoke Rossano-Corigliano.

Per i consiglieri seppure l'esistenza del reparto è garantita dai decreti commissariali e dall'atto aziendale dell’Asp di Cosenza, tuttavia rimane la carenza di personale, dal momento che l’azienda non ha provveduto a sostituire i medici già trasferiti o andati in pensione. Per i consiglieri è inoltre grave l’associazione fatta tra la struttura di Acri e quella di Rossano e Corigliano. “Una mossa che, di fatto, aldilà di ogni fumosa rassicurazione, rischia di mettere in discussione l'esistenza stessa dello Spoke dello ionio.

Ecco perché i consiglieri hanno deciso di avviare “una serie di iniziative, istituzionali e non, per intervenire celermente in tali questioni: l'obiettivo è evitare che le condizioni dell'assistenza ospedaliera nell'area ionica, già di fatto drammatiche, possano ulteriormente peggiorare a causa delle ingiustificabili manovre di palazzo in atto, cioè evitare che si consumi l'ennesimo sopruso nei riguardi delle città di Rossano e di Corigliano, quindi dell'intero territorio”.