In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Palmi: inaugurazione Capo Barbi, il luogo dedicato alle vittime del mare

Reggio Calabria Attualità

L’Associazione Prometeus di Palmi ha portato a termine un’altra importante azione, nell’ambito del proprio progetto finalizzato al decoro urbano. Domenica 15 ottobre alle 10.30 sarà infatti inaugurato in località torre, “Capo Barbi” luogo dedicato alle vittime del mare. “Capo Barbi” prende il nome da un luogo simbolo della città di Palmi, un promontorio suggestivo, con una storia affascinante, teatro dei cosiddetti “vandiaturi”, persone che dall’alto aiutavano i pescatori ad avvistare il pesce spada.

L’Associazione, guidata dal presidente Saverio Petitto, ha accolto la richiesta dell’Amministrazione comunale di portare a termine la bonifica del luogo, che era stata avviata tempo fa dai ‘mbuttaturi della varia e dei marinai della Marinella. Con l’ausilio di alcuni artigiani e grazie all’impegno dei propri soci, l’Associazione palmese – senza farsi scoraggiare dal lungo iter burocratico – ha dato nuova vita a un altro luogo della città, abbellendolo e ricollocando la preziosa àncora (di tipo Hall), donata dalla famiglia Parisi-Saffioti e appartenuta alla nave Francesco A.

Lo spazio urbano rigenerato, attraverso l’instancabile lavoro dei volontari Pometeus, sarà inoltre impreziosito da un pannello artistico di ceramica raffigurante la pesca del pesce spada. L’opera artistica in bassorilievo è stata realizzata a mano dal ceramista Enzo Ferraro di Seminara su un disegno del maestro Antonio Cerra, di Firenze ma palmese di adozione. La struttura in ferro battuto – che accoglierà l’opera - è stata anch’essa realizzata a mano dai serramentisti Francesco Cipri e Pino Donato.

Il lavoro minuzioso e impegnativo, per la realizzazione di “Capo Barbi”, è stato portato a termine dalla Onlus grazie alla collaborazione dei volontari Tonino Orlando, Franco Pardeo, Pino Iannelli, Pino e Domenico Cilona, con l’ausilio dell’ingegnere Antonio Bonasera e grazie alla dedizione e alla generosa laboriosità di Nino Genovese. L’inaugurazione del luogo dedicato alle vittime del mare si terrà in una giornata speciale per l’Associazione Prometeus che compie dieci anni di attività. Un percorso lungo e ricco, un percorso di impegno civile, per il nutrito gruppo di soci e per il presidente Saverio Petitto, compiuto attraverso la realizzazione di innumerevoli opere, di attività di beneficenza, raccolta fondi e di importanti progetti sociali e culturali, e con il coinvolgimento attivo della collettività.