In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Concussione, avviso di Garanzia a Lucano: manifestazione a Riace

Reggio Calabria Attualità
Domenico Lucano

“Oggi è il giorno in cui centinaia di persone confluiranno a Riace per esprimere sostegno e solidarietà a Mimmo Lucano dopo che si è visto recapitare un avviso di garanzia per reati gravi. – Lo annuncia in un comunicato diffuso alla stampa Giovanni Maiolo, del Gruppo di coordinamento nazionale Rete dei Comuni Solidali - Ho saputo dell'avviso di garanzia dalla stampa – scrive Maiolo - e da allora non ho potuto incontrare Mimmo e non sono nemmeno riuscito a sentirlo telefonicamente, ma ho avuto contatti con tanti e tante che, da ogni dove, esprimevano incredulità e sdegno per quanto sta accadendo.

Voglio spiegare le ragioni - si legge nella nota - che mi hanno spinto ad essere tra i promotori della manifestazione che si terrà oggi a Riace, visto che certi soggetti tentano di strumentalizzarla distorcendone il significato. Oggi non manifesterò contro la magistratura. Massimo rispetto per chi indaga. Sfido chiunque a trovare nell'appello/convocazione della manifestazione di oggi una sola parola contro il lavoro dei magistrati.

Oggi manifesterò - è scritto ancora nel comunicato - perché sono convinto della buona fede di Mimmo. Chiunque lo conosca sa che tipo di rapporto Domenico abbia con l'economia, sa quanto sia allergico al denaro e quanto disprezzi l'arricchimento personale. Mimmo è figlio di una scuola di pensiero che sostiene che se qualcuno possiede tanto, di conseguenza c'è qualcun altro che ha poco. Mimmo da sempre vive tra gli ultimi e con gli ultimi, considerandosi tale anche lui, nonostante la visibilità che ha avuto in questi anni. Mimmo non è ricco, non lo era prima e non lo è diventato di certo facendo il Sindaco. Mimmo in questi anni ha sacrificato TUTTO per realizzare, in piccolo, l'altro mondo possibile per il quale ci battiamo.

Un amico che lavora nella pubblica amministrazione - scrive Giovanni Maiolo - mi ha detto in questi giorni: "Per quelli come noi non c'è niente di più facile che ricevere un avviso di garanzia". Ed è vero. Chi ha a che fare con soldi pubblici è sempre a rischio e non bisogna essere Lupin per finire indagati. E un avviso di garanzia non è certo una condanna, anche se a volte lo diventa. Lo diventa quando viene sbandierato da chi vuole affossare un modello di accoglienza scomodo, da chi da sempre soffia sul fuoco della paura verso il diverso e non può tollerare che esista un'oasi, conosciuta in tutto il mondo e chiamata Riace, dove sono tutti uguali perché sono tutti diversi.

Oggi manifesterò perché sono sicuro dell'onestà di Domenico Lucano e voglio essere vicino all'uomo ancora prima che al personaggio pubblico. E oggi manifesterò perché l'accoglienza diffusa va difesa. È l'unica alternativa umana al vero business dell'accoglienza, quello legale e incentivato dallo Stato dei megacentri in cui vengono ammassati centinaia di esseri umani, spesso affidati a persone senza competenze e che lucrano su questo fenomeno.

Oggi andrò a Riace - conclude Maiolo nella nota - con in testa Peppino Lavorato, ex Sindaco comunista di Rosarno, che con la voce impastata dall'anestesia e dalla sofferenza, mi ha telefonato non appena uscito dalla sala operatoria per dirmi con la solita grinta e passione: "Riferisci a Mimmo che la lotta continua. Non ci arrenderemo!". Peppino, la lotta continua insieme a te e a tutti quelli che oggi a Riace si stringeranno intorno a Mimmo l'Onesto.”


Le opinioni espresse in questa pagina non impegnano in alcun modo la nostra testata rispecchiando esclusivamente il pensiero dell’autore a cui viene rimandata ogni responsabilità per quanto in essa contenuto. La testata resta comunque disponibile a pubblicare integrazioni, risposte e rettifiche a quanto riportato e a firma di chiunque sia direttamente o indirettamente coinvolto.