In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Omicidio per futili motivi e senza premeditazione. Pena ridotta per imprenditore

Vibo Valentia Cronaca

Sedici anni di reclusione per Cosma Damiano Sibio, 50 anni, l’imprenditore vibonese accusato dell’omicidio di Domenico Antonio Valenti, 74 anni, avvenuto a San Calogero il giorno di ferragosto del 2016 lungo la strada provinciale che collega il centro del vibonese con la statale 18.

È la decisione del gup del Tribunale di Vibo, Giovanna Taricco, dopo una settimana dall’udienza al termine degli interventi.

Sibio avrebbe sparato a Valenti mentre entrambi si trovavano a bordo di un'auto. Si sarebbe avvicinato facendo fuoco con una calibro 9×21. L'agricoltore 74enne, raggiunto al torace e in altre parti del corpo, morì sul colpo.

Il magistrato si era infatti riservato la decisione, dopo aver ascoltato il pm, Claudia Colucci che aveva chiesto l’ergastolo, e Francesco Damiano Muzzopappa e Giovanni Vecchio, che avevano chiesto l'esclusione dell'aggravante della premeditazione e la concessione delle attenuanti della provocazione (consistita in dei soprusi commessi nel tempo da parte della vittima per dei confini di terreni) e di quelle generiche, dal momento che il 50enne, dopo il l’omicidio commesso si era consegnato immediatamente ai carabinieri.

Richieste, quella dell'esclusione della premeditazione e i futili motivi, che il magistrato ha accettato. Da qui la riduzione della pena.