In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Corigliano-Rossano, nuovo incontro per il Sì alla fusione

Cosenza Attualità

Verso il referendum per la fusione di Corigliano-Rossano. I cittadini incontrano i cittadini – confrontarsi, discutere e dialogare. Prosegue il dibattito itinerante nella Città del Codex promosso dal comitato pro-fusione de Il Coraggio di Cambiare l’Italia. Domenica 15 Ottobre, alle ore 18, appuntamento presso il teatro “Amantea Paolella” nel centro storico di Rossano.

Dopo il positivo incontro, tenutosi la scorsa domenica 1 ottobre in piazza Le Fosse, allo Scalo di Rossano, al quale sono intervenuti, portando ognuno le proprie motivazioni per il Sì al referendum consultivo del 22 ottobre sulla fusione dei comuni di Corigliano e Rossano, si continua a discutere con l’obiettivo di giungere alle urne con una quadro chiaro e consapevole sulle opportunità, le leve ed i punti di forza che potrebbe offrire il progetto di unificazione alle due Città all’intero territorio.

Professionisti, commercianti, genitori e, più in generale, quanti operano nel quotidianamente la realtà dell’Area urbana e del comprensorio della Sibaritide, con un occhio particolare a chi vive nella Città Alta. Particolarmente a loro è rivolto il momento di confronto, con l’obiettivo anche di creare un momento proficuo di discussone con quanti hanno palesato la loro reticenza o incertezza rispetto alla realizzazione di una città unica: la terza più grande ed importante della Calabria, con nuove e maggiori prospettive di sviluppo, con la certezza a poter accedere a maggiori servizi, con il diritto di avere più peso politico e con la possibilità di poter creare maggiori posti di lavoro per le nuove generazioni.

"Insomma - conclude la nota de Il coraggio di cambiare - un sì per cambiare il destino di questa terra che, nella contingenza attuale, sembra ormai proiettata verso un inesorabile declino".