In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Rosatellum, sit in del Movimento 5 stelle davanti la Prefettura

Crotone Politica

Il Movimento 5 stelle di Crotone invita tutti i cittadini per un sit-in davanti alla Prefettura, giovedì 12 ottobre alle 15, per dire “no” alla legge elettorale “Rosatellum bis”. L’iniziativa risulta doverosa in conformità con le iniziative intraprese dai parlamentari del M5S, che hanno lanciato un drammatico appello agli italiani per esprimere il proprio dissenso davanti al Parlamento contro ciò che si sta prospettando come un vero e proprio colpo di stato, vale a dire la legge elettorale per la quale proprio giovedì ci sarà il voto di fiducia alla Camera. Una legge che si vuole sottrarre alla discussione e alle modifiche in parlamento e che presenta gravi dubbi di incostituzionalità.

“Essa ha come duplice scopo impedire al M5S di governare in caso di vittoria elettorale anche schiacciante e, cosa ancor più grave, svuotare di ogni significato la volontà del popolo, impedendo un voto libero e consapevole per dar vita, nella parte proporzionale, ad un Parlamento per 2/3 nominato dalle segreterie di partito; una legge, quindi, deviata e tesa a garantire i privilegi della classe politica, con liste bloccate per blindare i suoi atavici esponenti (per citarne solo alcuni Alfano, Verdini) che difficilmente verrebbero rieletti dal libero voto dei cittadini. Un sistema che, nella parte maggioritaria, oltre a favorire i soliti professionisti del voto di scambio, premia le grandi ammucchiate in coalizioni talmente disomogenee e in contrasto tra loro che ne verrebbe minata la rappresentatività e la governabilità; infatti consente coalizioni di liste che possono avere divergenti programmi e candidati premier diversi: tutto per evitare che i cittadini possano scegliere liberamente i propri rappresentanti politici”.