In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Parità di genere nelle Giunte comunali, Stumpo ai Prefetti: fate applicare la legge

Calabria Politica

La Consigliera regionale di parità Antonietta Stumpo si è rivolta ai Prefetti delle cinque province calabresi per segnalare la mancata attuazione della rappresentanza di genere nelle Giunte comunali.

Stumpo ha reputato necessario rivolgersi direttamente ai rappresentanti dell’Ufficio di Governo, affinché sia mesos in atto essere quanto di competenza per affermare il principio costituzionale antidiscriminatorio nella composizione delle Giunte degli enti locali, dopo numerose segnalazioni pervenute all’Ufficio da parte di cittadini, associazioni, movimenti ed istituzioni che lamentano, appunto, la mancata attuazione della normativa in materia di equa rappresentanza e dopo aver inviato delle diffide ai Comuni inadempienti.

“L’equa rappresentanza di genere, principio garantito dalla Costituzione, può essere derogato – specifica la consigliera di parità - solo per consentire la continuità dello svolgimento delle funzioni politiche, quando l'impossibilità di assicurare la presenza dei due generi sia adeguatamente provata tramite un'accurata e approfondita istruttoria e un'altrettanta adeguata motivazione, come ha ribadito con la sentenza 406/2016 la quinta sezione del Consiglio di Stato, che si è pronunciata sulle condizioni necessarie per derogare al comma 137 della legge Delrio, secondo cui nelle Giunte dei Comuni con popolazione superiore a 3mila abitanti nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura inferiore al 40%”.

“Relativamente ai Comuni con popolazione inferiore ai 3mila abitanti – spiega ancora la Stumpo -, il principio di uguaglianza tra uomini e donne viene sancito dagli artt. 3 e 51 della Costituzione e dall’art. 23 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea. Inoltre, dall'art. 6, comma 3, del D. Lgs. 267/2000 vigente che recita: ‘Gli statuti comunali e provinciali stabiliscono norme per assicurare condizioni di pari opportunità tra uomo e donna ai sensi della legge 10 aprile 1991, n. 125, e per garantire la presenza di entrambi i sessi nelle giunte e negli organi collegiali non elettivi del comune e della provincia, nonché degli enti, aziende ed istituzioni da essi dipendenti’; dall'art. 46, comma 2, del medesimo decreto legislativo che prevede: ‘Il sindaco e il presidente della provincia nominano, nel rispetto del principio di pari opportunità tra donne e uomini, garantendo la presenza di entrambi i sessi, i componenti della giunta, tra cui un vicesindaco e un vicepresidente, e ne danno comunicazione al consiglio nella prima seduta successiva alla elezione”.

“A questi principi di civiltà prima che normativi – prosegue - va aggiunta una consolidata giurisprudenza amministrativa, che non ammette ritardi o elusioni nell'applicazione della normativa vigente in materia, avendo la norma sulla rappresentanza di genere valore precettivo e cogente così come ribadito più volte dal Consiglio di Stato ed in particolare nella sentenza del 18 dicembre 2013 n. 6073 e successive che afferma ‘l’illegittimità per violazione del principio delle pari opportunità il decreto di nomina degli assessori, tutti di sesso maschile, della Giunta Municipale”.

“Da qui – rimarca la consigliera - la necessità di sollecitare i sindaci ad ottemperare al dettato normativo vigente per garantire un’equa rappresentanza di donne e di uomini nei luoghi delle decisioni e per rendere, così, il nostro paese concretamente democratico ed inclusivo di tutte le differenze e, soprattutto, di promuovere le competenze, le sensibilità e la concretezza delle donne nel risolvere i problemi, e dunque, la loro giusta presenza nei luoghi dove esse sono sottorappresentate”.

“Pertanto - conclude la Stumpo - alla luce della normativa vigente in materia si è reso necessario rivolgersi ai Prefetti per sollecitare i sindaci del territorio provinciale ad adeguarsi al dettato normativo, garantendo una equilibrata presenza di donne ed uomini nelle Giunte, anche al fine di evitare inutili e dispendiosi contenziosi che frequentemente si registrano nel territorio provinciale e di contribuire a sbloccare un sistema deficitario in termini di democrazia rappresentativa”.

Della questione è stata messa a conoscenza anche la sottosegretaria Maria Elena Boschi, Dipartimento per le Pari Opportunità presso la Presidenza del Consiglio dei ministri.