In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Coldiretti. Festa dei nonni: l’agricoltura ponte tra le generazioni

Calabria Attualità

Domani è il giorno dedicato agli “Angeli Custodi” ed è anche la festa dei nonni che rappresentano, essendone protagonisti e custodi, le radici e la memoria di un popolo.

“Una presenza importante, ha detto Papa Francesco, perché “la vostra esperienza costituisce un tesoro prezioso, indispensabile per guardare al futuro con speranza e responsabilità”.

L’agricoltura vede una grande crescita dei giovani nella gestione delle aziende ed è il settore che meglio si presta a favorire il legame tra le generazioni, una sorta di patto intergenerazionale che consente l’incontro tra giovani e anziani: i giovani sono la vitalità e gli anziani rafforzano questa vitalità con la memoria e la saggezza come alberi che continuano a portare frutto anche se sotto il peso degli anni.

Ancora tante aziende agricole, si avvalgono della conduzione e dell’esperienza degli anziani che riescono a coniugare tradizione e innovazione.

“I nonni – sottolinea la Coldiretti – svolgono una funzione fondamentale nel conservare le tradizioni alimentari e nel guidare i più giovani verso abitudini più salutari nelle scuole e nelle case con uno stile alimentare contadino basato sui prodotti della dieta mediterranea come pane, pasta, frutta, verdura, carne, olio extravergine e il tradizionale bicchiere di vino consumati a tavola in pasti regolari".

La Calabria poi, si dimostra in percentuale leader per numero di centenari, a testimonianza della qualità della vita, clima e alimentazione. Basti pensare che nella nostra regione nel 1992 contavamo 90 centenari, nel 2002 erano 190, 420 nel 2012, 630 nel 2015 e nel 2017 circa 650.

“A tutte le persone anziane – conclude Molinaro – vanno i nostri auguri ed il nostro grazie”.