In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Reggio. Roccisano e Sepio, il 2 ottobre un incontro sulla riforma del Welfare

Calabria Attualità

L’Assessore regionale al “Lavoro” Federica Roccisano, il 2 ottobre alle 11.30, nella sede del Consiglio regionale, palazzo “Campanella”, sala “Monteleone”, presiederà i lavori di un incontro per approfondire i termini della riforma del “welfare” regionale e di quella nazionale. Assieme alla Roccisano ci sarà anche il coordinatore tecnico fiscale per la riforma del terzo settore al Ministero del Lavoro Gabriele Sepio.

Interverranno il Presidente del Consiglio regionale Nicola Irto, il Presidente della Terza Commissione consiliare Michele Mirabello e Gianni Pensabene, Portavoce del Forum regionale del Terzo Settore.

"Il Welfare sta vivendo una fase di rinascita e di nuova centralità nelle politiche pubbliche - ha detto

l’assessore al Lavoro Federica Roccisano – e, per questo motivo, abbiamo ritenuto opportuno organizzare una giornata di approfondimento della riforma nazionale insieme a chi ne ha seguito le evoluzioni, come Gabriele Sepio ed il Forum del Terzo Settore regionale. L’occasione sarà propizia anche per fare un parallelismo con la riforma regionale. La Regione Calabria ha, finalmente, recuperato un ritardo lungo diciassette anni”.

“La riforma del Welfare - ha detto ancora Roccisano - prevede la riorganizzazione dell’assetto istituzionale del sistema integrato degli interventi, delineando le funzioni in materia di servizi e politiche sociali, che vengono trasferite ai comuni, dando così efficacia al principio della sussidiarietà secondo il quale è il livello territoriale più prossimo alla persona, non più cassa quindi ma ruolo di programmazione insieme al privato sociale e ai territori, puntando così ad un welfare più inclusivo e più vicino alle istanze delle persone”.