In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Anteprima Tropea Festival: Vittorino Andreoli e la gioia di vivere

Vibo Valentia Tempo Libero
Tropea Festival, Leggere & Scrivere

Il conto alla rovescia è iniziato: mancano pochi giorni alla sesta edizione del Tropea Festival, Leggere & Scrivere. Nell’attesa, ecco Anteprima Tropea Festival Leggere & Scrivere: l’appuntamento è per venerdì 22 settembre (ore 18, Polo culturale Santa Chiara, Vibo Valentia) con Vittorio Andreoli. Lo psichiatra e scrittore veronese presenterà il suo libro “La gioia di vivere. A piccoli passi verso la saggezza” (Feltrinelli). Sarà l’occasione per riflettere sulle battaglie che ognuno di noi si trova a dover affrontare nel corso della vita: da un abbandono a un lavoro insoddisfacente, dal rapporto con un ‘figlio difficile’ a un matrimonio che non funziona. La sfida, per tutti, è quella di andare oltre la fatica di vivere e cogliere la sfida del ‘ben essere’ in ogni situazione. Una sfida, questa, che si vince a piccoli passi - come recita il sottotitolo di Andreoli - lungo la via della saggezza.

A grandi passi, invece, si incammina il Tropea Festival Leggere & Scrivere verso l’apertura della sua sesta edizione. Si comincia lunedì 9 ottobre fino a domenica 15 ottobre: sei giorni di dibattiti e incontri; con oltre 200 appuntamenti e più di 300 ospiti provenienti dall’Italia e dall’estero.

La letteratura, come sempre, sarà la regina del festival: spazio anche alla musica, all’arte, alla scienza, ai new media: Palazzo Gagliardi, a Vibo Valentia, si trasformerà in un’agorà aperta a tutti coloro, animati dal desiderio di conoscere, capire e approfondire. Affermano i direttori artistici Gilberto Floriani e Maria Teresa Marzano: «In un momento storico in cui da molte parti si invoca il bisogno di chiusura, il festival vuole esprimere quanto sia bello aprirsi a nuove voci e arricchire il proprio bagaglio culturale. Siamo orgogliosi che, attraverso il Tropea Festival, questo messaggio arrivi dal sud e, in particolare, dalla Calabria.»