In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Caso Corrado. Possibile presenta un’interrogazione parlamentare

Crotone Politica

Interrogazione a risposta scritta presentata da Pippo Civati e dai parlamentari di Possibile - Maestri, Brignano e Pastorino - sul caso che ha riguardato l'archeologa Margherita Corrado.

“Al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo - si legge nell'interrogazione - con l'interrogazione n. 4-15243 è stata sottoposta al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo e al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare la ormai nota vicenda del costruendo villaggio Marine Park Village, in località "Punta Scifo", le cui autorizzazioni parrebbero in contrasto con i vincoli di cui l'area è gravata; nel mese di febbraio 2017 la procura della Repubblica di Crotone ha apposto i sigilli a tutto il cantiere, mentre nel mese di giugno ha chiuso le indagini a carico di sei persone, tra cui imprenditori e tecnici comunali, e anche a carico del Soprintendente archeologico di Crotone, Cosenza e Catanzaro, dottor Mario Pagano".

L'interrogazione, poi, così continua: "le denunce all'autorità giudiziaria e quelle pubbliche contro la costruzione del mega villaggio in un'area nota per la sua bellezza naturalistica e paesaggistica, oltre che per il suo inestimabile valore archeologico, hanno avuto origine grazie alla professionalità e alla caparbietà dell'archeologa Margherita Corrado".

Si fa, poi, riferimento all'esistenza "di un decreto a firma del Soprintendente Pagano diretto a tutti i tecnici della Soprintendenza e ai funzionari archeologi, per rendere la dottoressa Corrado incompatibile con qualsiasi lavoro la cui vigilanza spetti agli uffici cosentini; la colpa dell'archeologa sarebbe appunto quella di aver condotto una battaglia a difesa del patrimonio per cui il dottor Pagano e altre cinque persone ora rischierebbero di andare a processo".

I parlamentari chiedono di sapere "se il Governo sia a conoscenza dei fatti illustrati in premessa; se non intenda assumere iniziative, per quanto di competenza, in relazione a quello che appare un comportamento ritorsivo tenuto dal Soprintendente archeologico dottor Mario Pagano a danno dell'archeologa dottoressa Margherita Corrado, e per porre rimedio a una situazione che sarebbe palesemente discriminatoria".