In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Al Teatro Politeama arrivano Ale e Franz. Il duo comico in scena il 10 novembre

Catanzaro Tempo Libero

Partiranno ufficialmente oggi pomeriggio, 15 settembre, alle 16, le prevendite per la data catanzarese che Ale e Franz, il celebre duo comico, terrà il prossimo 10 novembre al Teatro Politeama. Ad annunciarlo è la Esse Emme Musica di Maurizio Senese che organizza l’evento. In scena saliranno le relazioni umane: ecco il fulcro del nuovo spettacolo teatrale di Ale e Franz dal titolo “Lati tanti - Tanti lati” della vita e degli uomini.

“Ogni incontro nasce da una coppia – è spiegato nella presentazione dello spettacolo - ogni dialogo nasce da un incontro. A ogni azione verbale e non, corrisponde una risposta... quella dell’altro. È così che si esplora il mondo delle relazioni a cui Ale e Franz, come coppia, da sempre si ispirano. L’inesauribile materiale umano è sempre il punto di partenza da cui tutto nasce. Di tutto può parlare l’uomo – prosegue la nota - tutto può smontare e rimontare il ragionamento umano. Poi... il sottolineare le cose in base alle diverse angolazioni in cui ogni persona le osserva, diventa il segreto per ridere di noi stessi.

Lati tanti e tanti uomini in scena. Uomini scaltri, uomini dubbiosi, uomini saggi, uomini risolti, uomini strani. Tutti uomini, però. Uomini che ci faranno ridere con la loro unicità e umanità. Lati tanti - Tanti lati in cui riconoscersi e fingere di non vedere che siamo proprio noi questi uomini. Noi con i nostri modi di vivere, di pensare, i nostri tic e le nostre ingenuità e virtù, le nostre forze e la nostra inesauribile e unica follia. Un vedersi allo specchio, un cercarsi e riconoscersi tra la folla e ridere (tanto) di gusto insieme”. La regia di Tanti lati – Lati tanti è di Alberto Ferrari, i testi sono di Alessandro Besentini, Francesco Villa e Antonio De Santis.