In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Bufera in Consiglio Regionale. Santelli sbotta, Graziano si difende: ha vinto il merito

Calabria Politica

Dopo l’ira della coordinatrice di Forza Italia, Jole Santelli, a margine delle nomine dell’ufficio di presidenza del Consiglio Regionale della Calabria, Giuseppe Graziano, rieletto segretario questore del parlamentino calabro, si difende e contrattacca.

Per Graziano, che si affida ad una nota per spiegare le sue ragione, nelle scelte di ieri avrebbero vinto democrazia e merito. “Non posso che leggere nelle elezioni tenutesi oggi (ieri, ndr) per il rinnovo dell’Ufficio di Presidenza … il trionfo della democrazia, della libertà di pensiero e della giustizia” afferma.

“Oggi - è un dato chiaro - la mia rielezioni a Segretario questore - aggiunge - è stata una conferma decisa che ha premiato il buon lavoro svolto in questi primi due anni di mandato, riconosciuto dagli stessi colleghi di minoranza. Principalmente dai capigruppo di Forza Italia e Casa della Libertà, Alessandro Niccolò e Francesco Cannizzaro, che hanno sempre sostenuto la fondatezza della mia riconferma nel solco della continuità”.

Poi Graziano lancia una piccola bordata agli Azzurri: “peccato che questo non lo abbiano recepito alcune aree di Forza Italia che invece - afferma - hanno preferito accondiscendere alle indicazioni (forse imposizioni?) provenienti da entità esterne al partito, piuttosto che dare ascolto ai due capigruppo consiliari”.

“Sicuramente l’Opposizione oggi – aggiunge Graziano - può continuare a sentirsi rappresentata nell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale da forze legittime e democraticamente elette. Ringrazio i colleghi che hanno riposto in me la loro fiducia. Continuerò a lavorare nell’interesse di tutti e principalmente – conclude - dei cittadini con i valori che hanno forgiato la mia esperienza politica, da Servitore dello Stato e Servitore della Calabria”.