In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Tragedia in spiaggia. Trascinato al largo dalle onde, turista muore affogato

Cosenza Cronaca

Un fine settimana funestato da una tragedia. Un turista di 67 anni, proveniente da Giugliano, in Campania, è morto affogato ad Acquappesa, nel cosentino.

Il dramma venerdì poco dopo le sei di sera. L’uomo era in villeggiatura insieme alla sua famiglia quando è stato letteralmente trascinato al largo da un’onda mentre sostava su un basso fondale con il figlio.

Quest’ultimo è riuscito a rientrare a riva chiamando immediatamente la Guardia Costiera mentre il papà, dopo vani tentativi e sforzi per tornare, era rimasto al largo. Un assistente bagnante di un lido vicino, nel frattempo, richiamato dalle urla si è gettato in acqua riuscendo a recuperare l’uomo ormai incosciente ed al quale lo stesso figlio ha iniziato a praticare le manovre di rianimazione a riva.

Poco dopo sono arrivati gli uomini della Guardia Costiera, i Carabinieri ed il medico e gli operatori del 118 di Cetraro che dopo alcuni tentativi di rianimarlo non hanno potuto far altro che constatarne il decesso per arresto cardiocircolatorio.

FINE SETTIMANA IMPEGNATIVO SUL LITORALE TIRRENICO

È stato questo comunque un fine settimana di grande impegno per gli uomini della Gc locale e per gli assistenti bagnanti della costa tirrenica cosentina. Nonostante i ripetuti avvisi di burrasca diramati e le bandiere rosse correttamente issate, sono state comunque diverse le segnalazioni di bagnanti in difficoltà, recuperati quando dagli assistenti quando da altri cittadini.

Nonostante il livello di guardia e attenzione sia massimo, purtroppo, la tragedia è sempre dietro l’angolo, come nel caso del turista 67enne.

Ma anche sabato sera e questa domenica mattina non sono mancati gli allarmi. Sia una motovedetta della Capitaneria che le pattuglia via terra di Cetraro e Diamante, sono infatti intervenute per aiutare alcuni bagnanti, rientrati poi senza assistenza a Guardia Piemontese, L’Isola di Cirella e Lampezia.

“Purtroppo - spiegano i militari della Capitaneria di Cetraro - seppur lo stato del mare con la sua violenza incute timore ed il segnale della bandiera rossa è chiaro e sconsiglia la balneazione in presenza di mare agitato, non vi è un divieto all’ingresso in acqua in condizioni meteo marine proibitive, poiché spetta al singolo bagnante decidere se nelle proprie condizioni psicofisiche può effettuare la balneazione”.

A questo proposito si ricorda di segnalare ogni situazione di pericolo tempestivamente e soprattutto direttamente alla Guardia Costiera, responsabile del soccorso in mare, così da consentire un intervento tempestivo sul posto. Per qualsiasi evenienza è sempre attivo, 24 ore su 24, il numero blu 1530.