In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Credito sociale. FdI-An: “il disastro della Giunta Oliverio”

Catanzaro Politica

“Cosa risponderà oggi la Calabria, anzi la Regione Calabria intesa come istituzione ai bisogni dei suoi cittadini? Nulla. Stiamo certi, anzi sereni non risponderà nulla, salvo certificare nei fatti e nei misfatti che ormai siamo al default, quello materiale, quello politico, ma soprattutto quello morale … non usando il termine etico che francamente suscita ribrezzo ed un ironia noir”.

Esordisce così una nota del Coordinamento Cittadino di Catanzaro di Fratelli d’Italia-AN riferendosi alla decisione assunta dal dg del Dipartimento Sviluppo Economico dell’Ente relativa alla revoca dei fondi destinati al credito sociale, una scelta che, sempre per FdI, “costituisce la cifra dell’incapacità amministrativa della giunta Oliverio e di quanti occupano posizioni di rilievo a livello dirigenziale”.

La vicenda, secondo il coordinamento di Fratelli d’Italia del capoluogo presenta aspetti “indecifrabili ed anche paradossali”. “L’indagine della Procura di Catanzaro, che ha condotto all’incriminazione di funzionari pubblici e di politici, - spiegano - si fonda sul presupposto dello strumentale illecito affidamento della gestione di ingenti risorse destinate ad alleviare le sofferenze dei calabresi alla Fondazione Calabria Etica, nonostante l’esistenza di un ente in house della Regione, Fincalabra, statutariamente destinata allo scopo”.

“Ebbene, l’avvio dell’indagine penale – sostengono da Fdi - ha determinato il cambiamento di rotta e, dunque, l’affidamento della gestione dei fondi a Fincalabra già dal 2014. Oggi, a distanza di tre anni, il solerte Direttore Generale, nel silenzio assoluto del presidente Oliverio e dei suoi Assessori, decide che Fincalabra non è in grado di operare e, non riuscendo ad individuare soluzioni alternative, è meglio procedere alla revoca dei fondi (?) Cosa c’è dietro tutto ciò non è dato di comprendere. Nessuno lo spiega. Il ricorso alle formule di stile, cioè al nulla è d’obbligo in questi casi! E, non potranno comprendere i circa cinquemila nuclei familiari calabresi che con fiducia si erano rivolti all’istituzione regionale nella speranza di poter risolvere, attraverso l’accesso al credito agevolato, bisogni e necessità primari di vita”.

Da Fratelli d’Italia continuano ricordando che il Direttore Generale afferma nella sua revoca che “in relazione anche alla necessità di un’attualizzazione dei requisiti per l’accesso ai benefici al mutato contesto socio-economico”. “Si riavvolge il nastro perché è mutato il contesto economico? In meglio?” si domandando dal coordinamento che prosegue: “A noi non sembra proprio è mutato, inesorabilmente in peggio, la fame ed il disaggio economico è una caratteristica consolidata, ma per la regione Calabria tutto è cambiato in meglio, mentre il presidente Oliverio, fra un taglio di nastro e qualche annuncio di opera utile, si auspica (?), continua a brindare ai piani alti della cittadella regionale. Cin cin presidente Oliverio…”