In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Pjf a Plataci le calde note di Elisa Brown

Cosenza Spettacolo

Le note del “XVI Peperoncino Jazz Festival” risuoneranno ancora nel territorio dell’Arberia calabrese, coinvolgendo, per il secondo anno consecutivo, un altro splendido borgo arbëreshë: Plataci.

Nell'anfiteatro comunale che sorge nel suo grazioso centro storico, protagonista assoluta sarà Elisa Brown, cantante di grande talento e con una passione innata per il genere Gospel.

Dal Gospel al blues, dallo swing al jazz, Elisa nel corso degli anni ha vinto diversi concorsi (tra cui il Tour Music Fest del 2008, in cui una giuria presieduta da Mogol l’ha premiata come migliore interprete su oltre 3000 partecipanti di tutta Italia), ha duettato e studiato con i grandi maestri americani del Gospel (tra cui Joel Polo, Chad Brodwley, Trini Lopez Massie, Cheryl Porter, Nehemian Brown, Ron Hubbard, Cliff Brown, Rod Hubbard, Edward Taylor e tanti altri) e dopo anni di direzione del Soul Sighs Gospel Choir, nel 2015 ha tenuto il suo primo gospel workshop per l'ICF Rome di Roma.

La Brown, definita a più riprese “la voce più soul della Calabria”, si esibirà a capo del suo affiatato Blues Quartet - formazione nata nel 2013 dall'incontro con il talentuoso chitarrista Roy Panebianco, con il solido bassista Toni Chiodo e con il fantasioso batterista Domenico Sangiovanni - e con grande carisma, com’è solita fare, coinvolgerà il pubblico all'insegna della formula del “Call & Response” tipica del blues.

Nel corso della serata, che sarà ad ingresso libero in quanto fortemente voluta da tutta l’amministrazione comunale guidata dal riconfermato sindaco Francesco Tursi, nonché dal presidente del Parco Nazionale del Pollino, Mimmo Pappaterra, e realizzata anche grazie al forte impegno profuso nell'organizzazione della stessa da parte di un gruppo di cittadini appassionati di jazz capeggiati da Emilio Smilari, grazie alla joint-venture con il 4° Festival dell’Immigrazione (a cura dello Sprar cittadino) verrà raccontata in voce e in musica quella dolorosa e involontaria forma di emigrazione che ha ispirato i testi di tanti brani della tradizione afro americana.

Prima di esplorare, poi, a suon di jazz tutta la costa tirrenica nella seconda metà di agosto il festival musicale più piccante d’Italia nei prossimi giorni farà una breve incursione nel Pollino, con tappe a Laino Borgo a Mormanno e a San Basile.