In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Incidenti: calati gli scontri con autobus e autocarri sulle strade calabresi

Calabria Attualità

In Calabria dal 2006 al 2015 il numero di autocarri (incluse le motrici) coinvolti in un incidente stradale è passato da 466 a 300, con una diminuzione del 35,6%. Sempre nei dieci anni presi in considerazione anche il numero di autobus coinvolti in incidenti stradali è calato.

In questo caso si è passati da 55 a 25, con una diminuzione del 54,5%. Questi dati derivano da un’elaborazione su dati Istat, elaborazione che contiene anche un prospetto dei dati sulla diminuzione del numero di autocarri e di autobus convolti in incidenti stradali a livello provinciale. Per ciò che riguarda gli autocarri, in tutte le province calabresi è stata registrata una diminuzione e la provincia in cui vi è stato il calo maggiore è Reggio Calabria (-54,2%), seguita da Crotone (-48,5%), Vibo Valentia (-39,4%), Catanzaro (-32,1%) e Cosenza (-19,4%).

Nel comparto degli autobus, invece, a Crotone è stato registrato un aumento, mentre tutte le altre hanno fatto registrare un calo e la provincia in cui la diminuzione è maggiore è Vibo Valentia (-75%), seguita da Catanzaro (-62,5%), Cosenza (-55%) e Reggio Calabria (-54,5%).

In Italia dal 2006 al 2015 il numero di autocarri coinvolti in un incidente stradale è passato da 31.614 a 20.700, con una diminuzione del 34,5%. Sempre nei dieci anni presi in considerazione anche il numero di autobus coinvolti in incidenti stradali è calato. In questo caso si è passati da 4.208 a 2.384, con una diminuzione del 43,3%. Questi dati certificano la tendenza al calo del numero di veicoli pesanti coinvolti in incidenti stradali registrata nel nostro Paese negli ultimi anni. Sono molteplici i fattori alla base di questo calo. Tra i più importanti vi sono certamente l’inasprimento delle norme relative alla sicurezza stradale e le importanti iniziative di sensibilizzazione messe in campo dalle istituzioni, ma anche i progressi tecnologici dei dispositivi di sicurezza di cui i veicoli sono dotati.