In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Anpa, annata nera per gli olivicoltori calabresi

Calabria Attualità

Annata nera per gli olivicoltori calabresi. È quanto afferma l’Anpa Calabria che ha tracciato un excursus della produzione di olive nella regione. “L’ultima annata che si può ricordare come positiva, sotto l’aspetto quantitativo della produzione di olive, è stata quella del 2013. E’ seguito un crollo nel 2014 di circa il 70 per cento mentre nel 2015 si è avuto un leggero miglioramento con una produzione di olive pari a 246.000 tonnellate e circa 30.000 tonnellate di olio. Nel 2016 il dato si è aggravato con una produzione di olive pari a circa 130.000 tonnellate e circa 15.000 tonnellate di olio. Nell’annata in corso la produzione dovrebbe confermare il dato del 2016 con un’ulteriore, pesante azzeramento del reddito per gli olivicoltori Calabresi”.

La situazione per l’Anpa è “la conseguenza di tanti anni di assenza di una politica attiva per il settore sia a livello nazionale sia a livello regionale. Malgrado ciò, gli olivicoltori calabresi hanno compiuto sforzi straordinari per il miglioramento e la certificazione della qualità, testimoniati dalle tre DOP riconosciute agli oli extravergini di oliva nelle province di Crotone (Alto Crotonese), Cosenza (Bruzio) e Catanzaro (Lametia), nonché dall’IGP regionale e dalla crescente vocazione al biologico. Circa 10.000 Mila produttori sono passati all’agricoltura biologica ed hanno variato il metodo di coltivazione passando dal convenzionale al biologico ben 50 mila ettari di uliveti. Con un’incidenza sul totale della superficie convertita a biologico del 40%. Oltre il 40% dell’olio prodotto è extravergine”.