In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Assunzioni, il ministro Lorenzin accoglie l’appello di Oliverio

Calabria Sanità

Ha accolto l’appello del presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, la ministra della sanità Beatrice Lorenzin. Ha infatti affermato che porrà il problema delle assunzioni in sanità “al Consiglio dei Ministri. Se fosse stato per me lo avrei già fatto da tempo, ma questa è una decisione collegiale che riguarda il Consiglio dei Ministri nella sua collegialità”. La ministra Lorenzin si è inoltre impegnata a seguire di persona la vicenda del piano delle assunzioni 2017 nella sanità calabrese.

L’ha detto in occasione della Conferenza dei Presidenti delle Regioni rispondendo alle sollecitazioni del Presidente Oliverio sull’applicazione della legge di bilancio 2017 in materia di Commissariamenti nella sanità che, come è noto, prevede il superamento dell’incompatibilità dei Presidenti di Regione con le funzioni di Commissario. Lo stesso documento, approvato dalla Conferenza dei Presidenti e consegnato al Ministro, sollecita l’immediata applicazione della norma prevista nella Legge di Bilancio 2017.

Nel suo intervento il Presidente Oliverio ha descritto la drammaticità che vive il Servizio Sanitario calabrese, anche per lo stallo che persiste da mesi nella struttura commissariale. “Dopo lo sblocco del turn-over che, per sei anni, ha impedito l’assunzione di personale medico e paramedico –ha detto- da mesi non si riesce a sbloccare il piano delle assunzioni 2017. C’è, inoltre, il rischio che l’obiettivo strategico di uscire dal Piano di Rientro nel 2018 possa essere vanificato. Mi rivolgo a lei, onorevole ministro affinchè assuma personalmente le iniziative necessarie a sbloccare le assunzioni per garantire servizi essenziali ed evitare la chiusura di servizi di prima necessità, con gravi implicazioni per la salute dei cittadini”.