In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Imparare a usare il metodo analogico, lo insegna un corso del “Telesio”

Reggio Calabria Attualità

Si può comprendere il senso del calcolo mentale in qualche minuto o imparare le divisioni a due cifre con pochi esempi? Si può imparare a svolgere l’analisi grammaticale evitando di impiegare anni? Si può leggere in un solo giorno e poi decidere di imparare a scrivere bene durante tutto l’anno?

Sì: con il metodo analogico intuitivo, un modo di apprendere che ciascun bambino applica con successo fuori dalla scuola.

Il metodo analogico è il modo più naturale di apprendere attraverso analogie, associazioni e metafore come fanno i bambini quando imparano a giocare. Vengono utilizzati strumenti per agevolare il calcolo mentale, le attività di geometria, nonché l’analisi grammaticale o logica. Sono strumenti di apprendimento che in alcuni casi diventano strumenti compensativi.

L’Istituto Comprensivo B.Telesio di Reggio Calabria, diretto dalla Preside Marisa Maisano, ha organizzato per il 22 Giugno dalle 9.30 alle 17.30 (con buffet-pranzo offerto dall’istituto) il seminario di formazione “A scuola con il metodo analogico” che si terrà presso la Sala Calipari del Palazzo Regionale. Alla fine sarà rilasciato anche un attestato di frequenza. Condurranno i lavori: Camillo Bortolato, Mariarosa Fornasier e Rocco Malara.

Il percorso è rivolto agli insegnanti di scuola dell’infanzia e di scuola primaria e rappresenta uno strumento di crescita e confronto per i docenti di sostegno di ogni ordine e grado. Nel corso viene proposto questo approccio in cui si impara «al volo», per riconoscimento avendo l’accortezza di mettere le informazioni nel loro posto, intraprendendo la “via del cuore": utilizzare il metodo analogico significa assistere alla meraviglia della comprensione come un dono spontaneo.