In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Rende. Miceli (M5S): “subito il regolamento contro il gioco di azzardo”

Cosenza Attualità

Approvare il regolamento comunale per contrastare il gioco d’azzardo”. È la proposta di Domenico Miceli, consigliere comunale di Rende che ha promosso l’evento dedicato all’azzardopatia alla "Casa di Roberta". Presente il deputato M5S, Matteo Mantero, membro della Commissione Affari Sociali e firmatario della proposta di legge contro il gioco d’azzardo, e il rappresentate del movimento Slot Mob Cosenza, Giuseppe Arcuri.

Abbiamo presentato la nostra proposta di delibera e di regolamento comunale per combattere il gioco d’azzardo in città – spiega Miceli - dopo tre mesi e una parziale apertura da parte della maggioranza aspettiamo ancora che questo provvedimento sia portato in Consiglio per l’approvazione. Anche a Cosenza gli attivisti del Meetup Cosenza - "Amici di Beppe Grillo" hanno inoltrato al Sindaco medesimo documento. A Rende, come a Cosenza e nell'area urbana, c’è bisogno di una regolamentazione delle sale slot e di un lavoro di sensibilizzazione indirizzato alle fasce più sensibili della popolazione. Siamo convinti che l'azzardo non sia solo un gioco, ma una vera e propria patologia e i comuni hanno il preciso dovere di intervenire per garantire e promuovere uno sviluppo sociale e culturale sano della nostra comunità”.

Arcuri, dello Slot Mob Cosenza, ha messo in evidenza i numeri di un disagio sociale che si nasconde dietro una patologia di cui si parla ancora troppo poco. E ha spinto per una giusta comunicazione che possa rendere consapevole il consumatore nella scelta degli esercizi commerciali da frequentare, rigorosamente no slot. "Le proposte del Movimento 5 Stelle per contrastare l'azzardo, come il divieto assoluto di pubblicità su tutti i mezzi o l'adozione della tessera unica del giocatore, non vengono prese in considerazione dal governo. E in assenza di azioni concrete da parte dello Stato un ruolo importante può e deve essere svolto dai Comuni, come già sta accadendo su tutto il territorio nazionale. Perciò è importante che anche i Comuni dell'area urbana cosentina adottino tutti i provvedimenti possibili per colmare il vuoto governativo e affiancare il lavoro delle associazioni che si battono per difendere i cittadini e tutelare i malati e le loro famiglie".