In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

elezioni 2014

‘Ndrangeta, droga e usura: confiscati beni per 4 mil di euro

Catanzaro Attualità
La sede Dia di Catanzaro

La Direzione Investigativa Antimafia di Catanzaro ha confiscato beni mobili ed immobili per un valore complessivo di circa 4 milioni di euro riconducibili al quarantenne catanzarese Marcello Amelio, personaggio ritenuto legato ad organizzazioni criminali di stampo mafioso. A carico dell’uomo si registrano diversi precedenti di polizia. Nel luglio del 2009 (GUARDA IL VIDEO DI CN24), era stato colpito da una misura cautelare in carcere, emessa dal Gip Distrettuale di Catanzaro, con l’accusa di aver fatto parte di una associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti ed operante prevalentemente nel catanzarese.

IL DECRETO DI CONFISCA, adottato ai sensi della normativa antimafia dal Tribunale di Catanzaro ha riguardato beni immobili, diversi autoveicoli, rapporti bancari nonché un’azienda agricola, per un valore complessivo di oltre 4 milioni di euro.

Con lo stesso provvedimento, l’Autorità Giudiziaria ha irrogato ad Amelio la misura di prevenzione della sorveglianza speciale di P.S., per la durata di cinque anni, con obbligo di soggiorno nel comune di residenza o dimora abituale.

LA SINTESTI DEL DECRETO | Nel decreto di confisca appena eseguito, in ordine all’irrogazione della Sorveglianza Speciale, si legge “… è stato condannato il 14 luglio 1997 alla pena di anni quattro e mesi sei di reclusione per il delitto di partecipazione ad associazione finalizzata al narcotraffico; il 17 febbraio 2006 è stato destinatario di o.c.c. emessa dal gip distrettuale in sede perché ritenuto gravemente indiziato del delitto di partecipazione ad associazione mafiosa oltre che per ben cinque ipotesi delittuose di concorso in usura aggravate ex art. 7 l. 203/1991…. …. il 22 luglio 2009 era destinatario di altra o.c.c. del gip in sede per il delitto di partecipazione ad associazione ex art. 74 dpr n. 309/1990 s.m.i. oltre ad un ipotesi di detenzione a fine di spaccio di sostanza stupefacente. In conclusione, pare che le traversie giudiziarie dell’Amelio, le reiterate condanne inflittegli non siano servite a mutare in nulla il suo stile di vita ed i legami con la criminalità organizzata che appaiono ancora essere ancora oggi particolarmente saldi. ……

In questa sede va ribadito e reiterato, sulla base dei nuovi elementi citati quel giudizio di vicinanza del proposto ad una associazione mafiosa …. nonché la sua capacità a differenziare i suoi interessi criminali,…..Pertanto l’itinerario valutativo sin qui compiuto…… e l’attenta delibazione della personalità dello stesso…. conducono a ritenere sussistente, in termini di concretezza ed attualità una qualificata pericolosità sociale dell’Amelio, essendo emersi a suo carico elementi chiaramente sintomatici della realizzazione, in un contesto organizzato di stampo mafioso, di gravi condotte antigiuridiche ed antisociali, ….. la necessità di applicare la sorveglianza speciale nella misura massima prevista dalla legge, …..”

L’attività di analisi patrimoniale a suo tempo esperita dalla Direzione Investigativa Antimafia di Catanzaro aveva documentato la netta sproporzione/sperequazione tra il reddito dichiarato e le attività economiche espletate, portando al sequestro anticipato di buona parte dei beni oggi confiscati.

Al riguardo, il Tribunale, scrive “in relazione ai beni intestati al proposto ed ai suoi familiari …. a fronte degli accurati e stringenti accertamenti patrimoniali compiuti dalla D.I.A., …, alla luce dei superiori rilievi, e delle precedenti osservazioni, (lgs. deve concludersi) che l’Amelio disponga, direttamente o per interposizione soggettiva dei congiunti, di tutti i beni sequestrati aventi un valore sproporzionato ai redditi dichiarati o all’attività economica esercitata dagli interessati, essendo gli stessi – in tutto o in massima parte – frutto di attività delittuose (realizzate in periodo temporale correlato alla loro acquisizione) ovvero forme di reimpiego dei proventi illecitamente conseguiti dei quali non risulta dimostrata la legittima provenienza, ne la derivazione lecita della provvista impiegata per il loro acquisto. In altri termini, va osservato come il proposto, ed i terzi intestatari dei beni oggetto sequestro non abbiano adeguatamente assorto all’onere di allegare la produzione di redditi leciti e sufficienti a dimostrare la liceità degli acquisti effettuati….”

L’odierna confisca antimafia scaturisce da un’articolata proposta del Direttore della Direzione Investigativa Antimafia, il generale dei Carabinieri Antonio Girone che si inquadra nell’ambito della più ampia strategia di aggressione dei patrimoni mafiosi.