In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Anpa. Sian inefficiente, ancora ritardi: ecco i perché e come risolvere

Calabria Attualità

Negli ultimi due mesi, l’Anpa-LiberiAgricoltori Calabria ha denunciato un presunto mal funzionamento del Sistema Informativo Agricolo Nazionale (il cosiddetto Sian) e dei gravi ritardi che si andavano accumulando per la presentazione della Domanda Unica e delle Domande PSR.

“Tutte le richieste di intervento a livello Regionale e Nazionale – fanno sapere oggi dall’associazione - sono cadute nel vuoto avvolte in un silenzio tombale. Gli interventi di Agea e Sin sono stati tali da aggravare ulteriormente la situazione”.

L’Anpa spiega che Sin, “senza alcun avviso”, avrebbe utilizzato le password dei responsabili di sede CAA e “sostituendosi ad essi – sostiene - ha validato una parte dei fascicoli dei piccoli produttori e ha stampato le domande”.

L’intervento di Sin, definito da LiberiAgricoltori “maldestro quanto prepotente e illegittimo…” anziché accorciare i tempi li avrebbe allungati.

“Le domande stampate – proseguono dall’associazione - sono collegate a fascicoli non aggiornati e, quindi, sbagliate. È successo perfino che SIN ha validato, a nome del responsabile CAA, alcuni fascicoli di produttori deceduti e, quindi, i responsabili delle sedi CAA nel verificare quanto fatto da SIN hanno dovuto cancellare le domande e rifarle in maniera corretta”.

Inoltre, tutti i fascicoli aziendali e i piani di coltivazione grafica lavorati da marzo fino al 6 aprile si sono dovuti annullare e rifare perché sulla Domanda Unica, sempre per la presunta deficienza del sistema informatico, non venivano riportate tutte le informazioni del fascicolo.

“E così – affermano da Anpa - siamo arrivati a 2 giorni dal 15 giugno, data di scadenza per la presentazione delle domande, con una situazione che vede migliaia di produttori impossibilitati a presentare le domande Uniche e PSR in quanto, anche stamattina, come ieri e tutti gli altri giorni, il sistema non funziona e non consente alcuna lavorazione”.

L’associazione allora fa sapere di aver chiesto al Direttore di Arcea, Maurizio Nicolai, ed ufficialmente, di procedere come è avvenuto in Emilia Romagna, dove Agrea con un atto del Dirigente ha assunto una determinazione, il 26 maggio scorso, per tutelare i produttori locali non potranno presentare in tempo le loro domande.

La determina consente ai produttori di presentare una manifestazione d’interesse utilizzando un modulo messo a disposizione da Agrea, nelle more della presentazione delle domande.

Quindi viene chiesto a Nicolai “di attivarsi subito per fare la determina e rendere disponile immediatamente il modulo necessario sul sistema informativo di Arcea per consentire agli operatori di tutti i CAA di presentare le manifestazioni d’interesse".