In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Granato (M5S): periferie al centro dell’attenzione, "nessuno rimanga indietro”

Catanzaro Politica

"Le periferie devono essere al centro della prossima amministrazione comunale. Nel nostro programma rivestono un ruolo importantissimo, perché le vediamo come un’occasione di rilancio per l’intera città".

È quanto afferma la candidata a Sindaco di Catanzaro, per il Movimento 5 Stelle, Bianca Laura Granato. "La vecchia politica – aggiunge - ha sempre amministrato la città avvalendosi dei consiglieri di quartiere, dei politici di lungo corso pronti a stringer la mano a ridosso delle elezioni o in occasione di qualche festa nel periodo estivo. Al massimo, nei quartieri più popolosi, c’è stata qualche promessa reiterata o qualche opera pubblica inaugurata ed abbandonata a se stessa. Dal nostro punto di vista non è così che si amministra".

"È dando priorità alle esigenze dei cittadini che – continua la Cinque Stelle - si risveglia la coscienza politica delle periferie. Col bilancio partecipativo, ad esempio, potranno scegliere loro se investire le risorse comunali per fare un parchetto o un parcheggio. Ma non è tutto democrazia partecipata. I nostri quartieri periferici sono spesso denominati ‘quartieri dormitorio’. Noi ci impegneremo per farli vivere maggiormente attraverso le case di quartiere, vale a dire immobili comunali concessi ad associazioni operanti sul territorio. Quartieri più vissuti, sono quartieri in cui vige la legalità ed in cui il degrado e la criminalità entrano con difficoltà".

“Nessuno deve rimanere indietro – conclude la Granato – è uno dei nostri motti. Le periferie catanzaresi non ospitano soltanto il degrado e la criminalità, ma anche situazioni economiche precarie. Noi li contrasteremo con politiche sociali attive, volte a ricercare ed ad intervenire su questo genere di situazioni. Soltanto così i catanzaresi potranno sentirsi figli di un’unica città, mettendo fine a sciocche beghe di campanile".