In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Fil: bene nomina Dg all’Asp di Reggio ma ora si adotti l’atto Aziendale

Reggio Calabria Salute

"A poco più di un anno dalla nostra richiesta al Governatore regionale Mario Oliverio di nominare un Direttore Generale per l’Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria, mettendo la parola fine all’esperienza dei Commissari, finalmente si è giunti alla nomina di Giacomino Brancati, al quale vanno i nostri migliori auguri di buon lavoro".

Così il Segretario Generale della Federazione italiana lavoratori, Giuseppe Martorano aggiungendo però e “purtroppo”, dice, che dal proprio appello al Governatore non sembrerebbe vi sia stato “quel cambio di passo per uscire da una crisi che sembra insuperabile”

“Non sono più sufficienti – spiega infatti Martorano - gli interventi fatti alla giornata, nominando il Direttore Sanitario o quello Amministrativo solo per l’adozione di provvedimenti; occorre ritornare ad una situazione di normalità e di governabilità dell’Azienda e soprattutto dar seguito all’adozione dell’Atto Aziendale, anche questa da noi più volte invocata, che finora è rimasta un mero esercizio burocratico, per cominciare a vedere davvero un cambiamento”.

Il segretario della Fil, allora, invita Giacomino Brancati a nominare al più presto “e in via definitiva” il Direttore sanitario e il Direttore amministrativo “individuando competenze e soprattutto – afferma - capacità di intervenire a normalizzare processi e sviluppi che sono fuori controllo da troppo tempo”.

La FIL ribadisce che continuerà inoltre a vigilare sull’applicazione del contratto, sul rispetto della normativa, sulle prerogative dei dipendenti e, soprattutto, sulla qualità del servizio offerto al cittadino:” va posto riparo alla carenza di personale, evitando il ricorso a provvedimenti a tempo, che sovente, aggirando o interpretando la norma, creano più disservizi che benefici per personale impiegato e utenza, mentre bisognerebbe pensare anche a percorsi di riqualificazione del personale e di riorganizzazione delle risorse, umane ed economiche", conclude Martorano.