In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Fondi Ue. Regione: “i dubbi di Ferrara (M5S) non hanno fondamento”

Calabria Attualità

Per il Dipartimento regionale “Programmazione nazionale e comunitaria” i dubbi sollevati dall'onorevole Laura Ferrara sulla mancata presentazione del rendiconto dei fondi europei non hanno fondamento.

"I documenti di chiusura dei programmi comunitari 2007/2013, con le relative domande di pagamento - sostengono dall'Ente - sono stati trasmessi alla Commissione, tramite il sistema informativo comunitario, nei tempi previsti dai regolamenti, ovvero il 31 marzo. I documenti trasmessi alla Commissione sono stati, inoltre, condivisi con gli attori locali componenti del partenariato economico, sociale ed istituzionale. La Regione, con un comunicato del 28 marzo, ha già reso noti i risultati finali dei programmi".

Secondo il Presidente della Regione Mario Oliverio, è inutile aggiungere molto altro e le affermazioni dell’eurodeputata Ferrara, "che tira in ballo anche la Commissaria Cretu, non fanno il bene della nostra regione. Ritengo che il controllo dell’azione amministrativa, da parte dei cittadini e dei loro rappresentanti, sia fondamentale per il successo dei programmi e stiamo facendo ogni sforzo possibile per favorire la massima diffusione delle informazioni".

Per il governatore "una cosa è la critica, basata su informazioni attendibili, un'altra è la propaganda fine a sé stessa che, nel rappresentare un territorio dove va sempre tutto male e dove la strada del cambiamento non è percorribile, contribuisce soltanto a rafforzare i privilegi di chi in questo sistema si trova in situazione di vantaggio e ad alimentare stereotipi negativi. So bene che è difficile liberarsi da tarli storicamente determinati ma assumere valutazioni e posizioni non rispondenti alla realtà è semplicemente scorretto e non è certamente qualificante, soprattutto per chi assume una funzione di rappresentanza”.