In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

A spasso per Cosenza come i portatori d’handicap, iniziativa dei giovani Idm

Cosenza Attualità

I giovani de L’Italia del Meridione della Calabria, hanno organizzato una manifestazione per far conoscere e sensibilizzare l’opinione pubblica su uno dei temi sociali “troppo spesso ignorato”, quello delle barriere architettoniche.

Giancarlo Iacucci, è un militante del Movimento e portatore di handicap: “vivendo con lui la sua quotidianità negata e offesa abbiamo deciso di mobilitarci” spiegano dall’Idm. “Passeggiando con Giancarlo, per le strade di Cosenza – proseguono - abbiamo riscontrato grandi difficoltà ed inefficienze, invisibili forse agli occhi della maggior parte delle persone, cosiddette normali. Le barriere architettoniche sono molteplici, quelle strutturali come la mancanza di adeguate passerelle nei luoghi di ritrovo, nelle attività commerciali o peggio negli uffici pubblici e nei luoghi di cultura, biblioteche o persino all’Università. E poi quelle culturali e mentali, che si manifestano con l’occupazione abusiva dei parcheggi riservati e l’ostruzione con la propria auto alle (poche) vie d’accesso per i diversamente abili”.

Nonostante le Leggi nazionali e regionali, gli adempimenti della Comunità Europea sino ad arrivare alla Convenzione Onu, dove il concetto di “barriere” è inteso nel senso di ostacoli di qualsiasi natura che impediscono la realizzazione dei diritti umani, per i giovani del movimento la città di Cosenza sarebbe “sorda, muta ed inerme”.

“Ma noi non ci stiamo”, sbottano, aggiungendo di aver deciso di scendere in piazza per denunciare “le inefficienze ma soprattutto per sensibilizzare la comunità. Lo strumento che abbiamo scelto è l’empatia. A nostro parere – continuano - è dando la possibilità alla gente di vivere in prima persona le difficoltà che un diversamente abile incontra quotidianamente che si possono abbattere quelle “barriere”, abbattendo principalmente l’indifferenza, l’arroganza e la mancanza di rispetto e di affetto”.

Da qui il nome del progetto: “Dimmi se è normale!”. L’idea è quella di chiedere ai cittadini di fare una breve passeggiata lungo un percorso che comprende alcune strade del centro, accompagnando una persona con disabilità per le vie di Cosenza, o di sedere su una carrozzina e farsi guidare. La manifestazione si terrà nel capoluogo bruzio sabato prossimo, 22 Aprile, con una passeggiata che andrà da Piazza Kennedy verso Via Montesanto per poi scendere da Via Isonzo per Viale Parco.

All’appello hanno già risposto diverse Associazioni di volontariato e Onlus

Inoltre, il sabato successivo, 29 aprile, presso il Palazzo della Provincia, nel Salone degli Specchi (alle 10.30) si parlerà anche cittadinanza attiva, partecipazione e condivisione d’intenti, senso civico e azioni mirate. L’incontro si articolerà attraverso testimonianze dirette e un video. Verranno incontrati cittadini, giovani, associazioni e mondo politico e saranno presenti i consiglieri regionali Orlandino Greco e Franco Sergio, il presidente della Provincia Franco Iacucci, la consigliera del Comune Alessandra De Rose ed altri.

Nell’occasione, attraverso il racconto del giornalista Gianfranco Bonofiglio, si ricorderà il senatore cosentino Franco Piro, recentemente scomparso con la consegna ai familiari un Premio in memoria dell’uomo e del politico che per primo si occupò della necessità di abbattere tutte le barriere, fisiche e mentali e di riconoscere attraverso Leggi i diritti delle persone con disabilità.