In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

La Regione parteciperà alla Fiera “Vita in campagna – Il Salone di origine”

Calabria Attualità

La Regione Calabria, con il Dipartimento agricoltura e risorse agroalimentari, sarà presente alla Fiera “Vita in campagna–il Salone di origine”, la manifestazione di riferimento per gli hobby farmer, in programma a Montichiari (Brescia), da domani a domenica. Saranno 7 le cooperative sociali, provenienti da tutto il territorio regionale, che parteciperanno alla settima edizione del Salone, incentrato su orto, giardino, piante da frutto, biodiversità, eco sostenibilità ed eccellenze agroalimentari made in Italy, che quest’anno darà, appunto, ampio spazio all’agricoltura sociale.

Alle cooperative sociali calabresi (Valle del Marro-Libera terra, Fattoria la casa di Nilla, La fattoria del benessere, Consorzio Macranè, Giovani in Vita, Demetra onlus, I-Chora) è stata riservata una collettiva denominata ‘I semi della legalità’, nel padiglione ‘Origine’, dedicato alle produzioni tipiche di nicchia del Paese. Queste le principali specialità regionali che saranno presentate: agrumi, bergamotto, cedro, limoni, olio, ortaggi, peperoncino, nduja, miele, marmellate, farro, pane e frese, pasta, cuscini di Pula realizzati con il farro.

La Regione, infatti, attraverso il Psr Calabria 2014/2020 ha organizzato un open day di tre giorni, dal titolo “L’agricoltura sociale verso l’innovazione. Un’opportunità nel Programma di sviluppo rurale calabrese”, al fine di divulgare informazioni sulle attività di agricoltura sociale e far conoscere un settore ancora in fase di sviluppo. Un’occasione importante visto che il Psr Calabria 2014/2020 riserva maggiore attenzione all’agricoltura sociale, alla diversificazione verso attività extra agricole ed allo sviluppo della multifunzionalità delle aziende agricole, con l'obiettivo di incrementare i servizi alle popolazioni, ed in particolare ai soggetti svantaggiati, ed ai turisti all’interno delle aree rurali, nonché a promuovere occupazione. L’agricoltura sociale, inoltre, in una regione come la Calabria, assume un’importanza particolare, in quanto costituisce uno strumento per il recupero ed il riutilizzo dei beni confiscati alla mafia. Nella giornata di venerdì è in programma un convegno dal titolo “Fattorie sociali, che fine hanno fatto i decreti attuativi?”, nel quale si farà un focus sullo stato dell’arte a diciotto mesi dall’approvazione della legge sull’agricoltura sociale, ancora ferma in attesa di misure applicative. L'iniziativa promossa dal Psr Calabria mira a creare un momento di confronto tra gli operatori calabresi di agricoltura sociale, per evidenziare gli elementi di innovazione e le opportunità che l’agricoltura sociale può fornire allo sviluppo rurale. Ma, soprattutto, con l’open day ed il convegno si punta a promuovere uno scambio di buone pratiche tra soggetti che portano avanti progetti di sviluppo sostenibile del territorio calabrese, nei quali l’agricoltura sociale, l’inclusione sociale ed il riutilizzo dei beni confiscati alla mafia sono elementi fondamentali.