In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Istituire il garante dei detenuti, Ruffa (radicali) continua lo sciopero della fame

Calabria Attualità

Rocco Ruffa, ingegnere militante del Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito, dopo aver sostenuto la battaglia di Rita Bernardini, continua il satyagraha per ottenere l’istituzione del Garante Regionale dei detenuti.

"Come ormai da molte settimane – ha ribadito lo stesso Ruffa - proseguo la mia battaglia con altri 4 giorni di sciopero della fame che si concluderanno domenica 12 Marzo. Ho iniziato sostenendo la battaglia di Rita Bernardini in "digiuno di dialogo" dal 5 febbraio scorso, ho intrapreso questa battaglia perché ne condivido pienamente le motivazioni: Stralcio della riforma dell'Ordinamento Penitenziario dalla complessiva riforma del processo penale in corso al Senato della Repubblica e urgente emanazione di un provvedimento di amnistia e indulto (art. 79 della Costituzione) per far rientrare lo Stato Italiano nella sua stessa legalità che viola apertamente non rispettando gli artt. 3 e 6 della Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo (sui trattamenti inumani e degradanti nei confronti dei detenuti e sulla irragionevole durate dei processi)”

“Proprio oggi – prosegue il militante - l'On. Bernardini ha ricevuto prova di apertura al dialogo da parte delle istituzioni; questo pomeriggio, infatti, assieme ad una delegazione del Partito Radicale, è stata ricevuta dal Ministro Andrea Orlando che ha espresso parole di elogio nei confronti della battaglia portata avanti dall'ex-parlamentare radicale".

Ruffo, dunque, saluta “con favore l'iniziativa del Ministro che ha voluto ricevere Rita Bernardini interrompo lo sciopero della sete che inizialmente avevo previsto. Ma - conclude - il ritardo con cui le istituzioni calabresi si occupano del Disegno di Legge a prima firma del Presidente Nicola Irto per l'istituzione della figura del garante -che la legge prevede in ogni regione- è inaccettabile".