In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Viscomi sulla legge che istituisce la giornata nazionale delle vittime delle mafie

Calabria Attualità

L’odierna approvazione definitiva della proposta di legge che istituisce il giorno 21 marzo quale Giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie rappresenta un momento significativo per tutti coloro, e sono tanti, che sentono il dovere di testimoniare nella quotidianità della loro vita e del loro impegno professionale e politico un deciso, chiaro e irremovibile ‘no’ alla criminalità mafiosa comunque e dovunque essa si manifesti”. È quanto afferma il Vicepresidente della Giunta regionale Antonio Viscomi.

“Per la Regione Calabria costituisce un momento ancora più significativo per almeno due motivi. Il primo è che la Calabria è stata una delle poche Regioni italiane ad aver formalmente sottoscritto l’Appello, promosso dalle associazioni Avviso Pubblico, Libera, Legambiente e dai sindacati Cgil, Cisl e Uil con il quale si sollecita Governo e Parlamento ad una rapida approvazione di alcune importanti leggi, da tempo all’esame delle Camere, per rafforzare la prevenzione e il contrasto alle mafie e alla corruzione: fra queste, la prima legge ad essere approvata è stata proprio quella sul 21 marzo.

Il secondo motivo è che la prossima XXII Giornata della memoria, ora Giornata nazionale della memoria, si svolgerà proprio qui in Calabria, a Locri: essere presenti il prossimo 21 a Locri deve essere un impegno di tutti e, in particolare di tutti gli amministratori calabresi, per testimoniare insieme un impegno responsabile per la costruzione della comune città. Per poter essere veramente “contro” la mafia, dobbiamo essere profondamente convinti di operare “per” la costruzione di una comunità equa, solidale e democratica, radicando nella prospettiva del bene comune l’agire, pubblico e privato, di ciascuno di noi.

“Proprio perché consapevoli che le classiche strategie di aggressione mafiosa sono rappresentate da delegittimazione ed isolamento di chiunque le contrasti, è ancora più importante stare insieme e fare rete: anche per questo, la Regione Calabria partecipa con convinzione all’esperienza di Avviso Pubblico sia in sede locale - proprio qualche giorno la Cittadella ha ospitato il primo coordinamento regionale - sia in sede nazionale, operando in prima linea per la costituzione di uno specifico coordinamento delle Regioni italiane appartenenti all’associazione stessa. E dunque, save the date: tutti a Locri il 21 marzo 2017”.