In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Di Iacovo (Confial): “Riforma Madia occasione mancata per i precari”

Calabria Attualità

"Riforma Madia e precariato: un'occasione mancata”. Un provvedimento che non affronterebbe, per come avrebbe dovuto il problema alla radice. È quanto sostiene Benedetto Di Iacovo, Coordinatore Nazionale della Confial spiegando che i requisiti richiesti, di aver svolto cioè 3 anni di lavoro anche non continuativo negli ultimi otto anni e la formula del concorso con posti riservati “sembra una soluzione, ma – dice - per essere efficace e chiudere con questa brutta pratica degli ultimi vent’anni, deve tenere conto, anche, di diversificate e storicizzate situazioni, come quella degli ex LSU ed LPU".

"Soprattutto nel Mezzogiorno - continua Di Iacovo - esiste un tipo di precariato storico, nel senso che ormai ha una durata ventennale, che è costituito, appunto, dagli LSU ed LPU, meglio conosciuti come Lavoratori socialmente utili o di pubblica utilità. Questi lavoratori hanno svolto e svolgono tuttora un ruolo insostituibile all’interno delle istituzioni, dei nostri comuni, province, regioni, in particolare, con un salario e un livello di tutele e di ore di lavoro molto inferiore a quello dei loro colleghi assunti a tempo indeterminato”.

“Molti piani e progetti di stabilizzazione – aggiunge il coordinatore di Confial - sono stati fatti e una parte del bacino è stato svuotato, ma ancora oggi una parte considerevole di questi lavoratori in Calabria, Puglia, Campania e Sicilia, rimangono in una insostenibile situazione di precariato. Un bacino che riguarda complessivamente circa 40.000 unità utilizzate dagli Enti pubblici per oltre un ventennio. Nel caso della Calabria, circa 4.900 di questi sono inseriti nei gangli vitali degli Enti locali attraverso un contratto a tempo determinato ea 26 ore, reiterato per la terza annualità. Da premettere che questa contrattualizzazione è stata preceduta da una orribile forma di utilizzo degli stessi da parte di Comuni e province (senza diritti e senza tutele, quasi come dei lavoratori a nero, invisibili e senza tutele previdenziali) da oltre 20 anni, facendo, ormai sì che senza questa forza lavoro, gli Enti non potrebbero assicurare i servizi ordinari ai cittadini”.

La riforma e la stabilizzazione dei precari sarebbe per Di Iacovo l’opportunità per fare “un atto di giustizia in favore di questi lavoratori che per troppi anni sono stati lasciati nel limbo della precarietà. Ma per fare questo - sostiene - bisognerà tenere conto che molti Comuni in dissesto non potranno mai provvedervi e, quindi, occorre una precisa disposizione normativa che estenda la possibilità di stabilizzazione a questi lavoratori, perché per come il provvedimento legislativo è stato formulato, questi, senza deroghe per i Comuni in dissesto, ai vincoli assunzionali, ai patti di stabilità, ecc, rimarrebbero fuori”.

Per evitare “che si perpetri nei confronti di questi lavoratori l’ennesima ingiustizia”, la Confial sollecita il Ministro Madia (alla quale ha indirizzato una specifica comunicazione), i Presidenti delle regioni e le deputazioni delle regioni interessate ad intervenire nelle sedi opportune per assicurare anche agli LSU ed LPU i benefici del Piano di stabilizzazione straordinario per i precari della PA. “Dopo vent’anni di attesa è una questione imprescindibile di giustizia e di equità!", conclude Di Iacovo.