In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Chiusura “Santambrogio” e “Orologio”, la solidarietà del Teatro Calabrese

Calabria Spettacolo

L'Assemblea permanente del Teatro Calabrese, riunitasi il 18 febbraio scorso, ha discusso dell'azione repressiva intrapresa dalla Questura di Roma nei confronti del Teatro Orologio e del Rialto Santambrogio, a cui hanno apposto i sigilli vietandone le attività dei laboratori, delle prove e lo spettacolo dal vivo.

L'Assemblea ha voluto così esprimere la sua solidarietà al Rialto Santambrogio e al Teatro Orologio. “Nelle prossime settimane – affermano dal Teatro Calabrese - si decideranno le sorti dei due spazi, importanti realtà di riferimento della scena teatrale a Roma. Siamo convinti che adesso come non mai sia importante, per tutti i lavoratori e i precari dello spettacolo dal vivo, uscire fuori dai territorialismi e iniziare a immaginarci, da Nord a Sud, come unico corpo pulsante, uniti in un respiro di resistenza contro una politica che non promuove reali strategie di sviluppo e contro uno Stato di Polizia che, in nome della legalità, compie azioni repressive che acuiscono le difficoltà di un sistema teatrale in ginocchio”.

L’assemblea calabrese, poi ribadisce che, “come il Teatro migliora le nostre città producendo bellezza, allo stesso modo produce economie, tra stipendi, sbigliettamento, contributi, tasse e oneri, voci consistenti nel bilancio di ogni compagnia e struttura teatrale” e si augura che le “Amministrazioni, gli Enti, gli Ispettori del Lavoro, i Vigili del fuoco le Questure e le Forze dell'Ordine, inizino a considerare i lavoratori dello spettacolo come categoria di cittadini, che con forza, passione e sacrifici praticano la professione, contribuendo alla crescita culturale ed economica del Paese”.
“Noi operatori dello spettacolo – affermano - amiamo il nostro lavoro, onoriamo il nostro pubblico e osserviamo le leggi, sempre che queste non siano impossibili da osservare. Siamo artisti capaci di magie, ma non di miracoli. Ma ai miracoli crediamo. Sappiamo che sono possibili, quando non si è osteggiati e soli. Auspichiamo che il Rialto Santambrogio e il Teatro Orologio riprendano al più presto le loro attività. E' importante dare un segnale di rinascita a questo Paese che ha perso la speranza nel dialogo tra cittadini e Istituzioni”.

“Più dei sigilli, in questo momento, può l'ascolto tra operatori dello spettacolo e Istituzioni: incontrarci, guardarci negli occhi, ripartendo dai gesti, dalle parole – concludono - per ritrovare un linguaggio comune e progettare insieme il rinnovamento del sistema teatrale in Italia”.