In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Casarossa40, secondo appuntamento con Rassegna Resistente

Cosenza Spettacolo

Continuano gli appuntamenti della Rassegna Resistente di Casarossa40 con l’assemblea di questa sera (alle 18 a Palazzo Panariti) che vedrà ospite Marco Schiaffino di Attac Italia e la collaborazione del Coordinamento Regionale Stop Ttip.

L’assemblea affronterà l’attuale e delicata questione dei Trattati Internazionali (Ttip, Tisa, Ceta, ma anche del Nafta, Alca, Tpp sul versante Pacifico) e le pesanti ricadute di questi in termini di salute e compressione dei diritti di milioni di lavoratori e cittadini. I trattati internazionali, quindi, come strumenti ideologici e di classe per consolidare il primato del mercato e del profitto su salute e diritti.

Un’assemblea importante, quindi, perché a valle del recentissimo e pesante voto europeo di ratifica del Ceta avvenuto proprio lo scorso mercoledì dove, appunto, il Parlamento Europeo ha deciso di adottare il Ceta con 408 voti a favore e 254 contrari. Nonostante una spaccatura profonda nel partito socialdemocratico, l’accordo con il Canada è stato approvato. Per la parte di competenza europea, entrerà provvisoriamente in vigore senza attendere il vaglio di 38 Parlamenti nazionali in 28 Stati membri. Il loro pronunciamento è comunque una vittoria dei movimenti, che ha impedito a Bruxelles di mantenere il Ceta un affare soltanto europeo.

La mobilitazione ora si sposta a livello nazionale e territoriale per impedire che il Parlamento italiano ratifichi questo trattato dannoso per i nostri cittadini e lavoratori. Con l’applicazione provvisoria del Ceta infatti, cadranno tariffe e quote su una vasta linea di beni e servizi commerciali tra i due blocchi, con prospettive negative per i diritti del lavoro, la sicurezza alimentare, la salute, l’ambiente e i servizi pubblici.

Stasera l’assemblea cittadina proverà a determinarsi anche sulle successive mobilitazioni da mettere in piedi nei prossimi giorni.