In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Le Questure di Catanzaro, Vibo e Crotone intensificano il loro impegno nel Progetto “Questo non è amore”

Calabria Attualità

Se ti ricatta … non è amore. Se minaccia te o i tuoi figli … non è amore. Se ti isola, umilia, offende …non è amore. Se ti perseguita con mail e sms ossessivi ….non è amore. Se ti prende con violenza quando non vuoi … non è amore. Se ti chiede “l’ultimo appuntamento” …non è amore”. Se ti uccide …non è amore.

Nel giorno di San Valentino, in cui tutto il mondo celebra l’amore, la Polizia di Stato sceglie di stare vicina alle donne con la campagna “…questo non è amore” che prevede in tutte le province italiane camper, pullman, gazebo e altri momenti d’incontro volti a rompere l’isolamento e il dolore delle vittime di violenza di genere, offrendo il supporto di un’equipe di operatori specializzati, in prevalenza composta di donne e formata da personale di Polizia specializzato, da medici, psicologi e da rappresentanti dei centri antiviolenza.

Un’idea, quella del progetto CAMPER contro la violenza di genere che, partito a luglio del 2016, in circa sei mesi in 22 province italiane ha consentito di contattare oltre 18.600 persone, in maggioranza donne, diffondendo informazioni sugli strumenti di tutela e di intervenire su situazioni di violenza e stalking che diversamente sarebbero potute rimanere ingabbiate nel dolore domestico.

La Questura di Catanzaro, da sempre sensibile a questi temi, con iniziative e protocolli d’intesa per la prevenzione ed il contrasto della violenza di genere, ha di recente intensificato il suo impegno a favore delle donne sole, violentate, abusate e, l’impegno a contrastare il sommerso è tra le priorità del suo nuovo Questore.

Nel pomeriggio di oggi, dalle ore 15:00, il personale della Polizia di Stato è presente nell’Università della Magna Graecia di Catanzaro, per partecipare all’iniziativa “1 Billion Rising Revolution” un miliardo di voci contro la violenza su donne e bambine.

Anche la Questura di Crotone ha inteso inserire in città la realizzazione del progetto e, a partire dal mese di settembre del 2016, il camper della Polizia di Stato è stato presente, in più appuntamenti, in piazze e nei pressi degli esercizi della grande distribuzione, al fine di dare luogo alla campagna di sensibilizzazione “#questononéamore”, perché certi che lo “scendere in strada” crei una relazione di fiducia nelle istituzioni e contribuisca a centrare l’obiettivo “Donne più sicure in un paese più sicuro”, operatori specializzati della Questura, nonché medici ed appartenenti ad associazioni del settore, sono stati a disposizione della cittadinanza per qualsiasi chiarimento e qualsiasi richiesta in merito e pronti a raccogliere le testimonianze dirette di chi, spesso, ha paura di denunciare o a varcare la soglia di un ufficio di Polizia.

Nel corso dei mesi di novembre e dicembre 2016, sono stati, altresì, organizzati incontri nelle scuole che hanno riscosso notevole successo, suscitando nei più giovani, particolare interesse nella discussione con interventi diretti e domande sul fenomeno, nonché sulle attività istituzionali svolte dalla Polizia di Stato.

Grazie a queste iniziative è stato possibile salvare donne e ragazze picchiate dai compagni e perseguitate dagli ex.

In particolare, si è potuto mettere in luce il gravissimo episodio di un cinquantenne che ha violentato più volte una tredicenne che abitava nel suo stesso palazzo e che è rimasta incinta. La madre ha scoperto tutto in ospedale e non ha avuto dubbi: “Questo non è amore” le ha dato la possibilità di far incastrare il pedofilo che ancora telefonava alla ragazzina. “Non dire a nessuno quello che facciamo, lo sai che ti ho sempre voluto bene”, le diceva. Ora è in carcere, l’adolescente ha abortito.

E l’ha fatto discutendo dei dati in merito ai casi di violenza sulle donne. Ogni tre giorni e mezzo avviene in media l’omicidio di una donna in ambito familiare o comunque affettivo, mentre ogni giorno, sempre ai danni di donne, si registrano 23 atti persecutori, 28 maltrattamenti, 16 episodi di percosse, 9 di violenze sessuali.

Questi più in dettaglio i dati di tutte le forze di polizia: gli omicidi di donne in ambito familiare sono stati 117 nel 2014, 111 nel 2015, 108 nel 2016; gli atti persecutori (circa il 76% in danno delle donne) 12.446 nel 2014, 11.758 nel 2015, 11.400 nel 2016; i maltrattamenti in famiglia (circa l’81% in danno delle donne) 13.261 nel 2014, 12.890 nel 2015, 12.829 nel 2016; le percosse (circa il 46% in danno delle donne) 15.285 nel 2014, 15.249 nel 2015, 13.146 nel 2016; le violenze sessuali (oltre il 90% in danno delle donne) 4257 nel 2014, 4000 nel 2015, 3759 nel 2016.

Anche la Questura di Vibo Valentia ha preso parte alla campagna di sensibilizzazione.