In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Ndrangheta in Lombardia, 13 anni e 6 mesi a ex assessore

Calabria Cronaca

È di 13 anni e 6 mesi la condanna per l’ex assessore alla casa della Regione Lombardia, Domenico Zambetti. La sentenza è stata emessa dal Tribunale di Milano nell’ambito del processo sulle presunte infiltrazioni della 'ndrangheta in Lombardia.

Zambetti è stato arrestato nel 2012 con le accuse di voto di scambio, corruzione e concorso esterno in associazione mafiosa. Il pm aveva chiesto la condanna a 10 anni di carcere. L'accusa di concorso esterno era stata fatta cadere dallo stesso magistrato durante la requisitoria, ma oggi i giudici l'hanno ritenuta provata.

L’ex assessore dovrà tuttavia risarcire la Regione con 900mila euro. L’hanno stabilito i giudici dell'ottava sezione penale del Tribunale del capoluogo lombardo. Il risarcimento al Comune di Milano si attesta invece a 650mila euro, mentre quello all’Aler ammonta a 350mila euro. Le somme dovranno essere risarcite alle parti civili dai quattro condannati.

L’ex sindaco di Sedriano, Alfredo Celeste, è stato assolto dall’accusa di corruzione dal Tribunale di Milano. L’ex amministratore era stato inquisito per avere favorito un imprenditore legato alle cosche. Sedriano è stato il primo comune lombardo sciolto per mafia.

Nello stesso procedimento, sono stati condannati anche il presunto affiliato all'organizzazione criminale Eugenio Costantino; Ciro Simonte, anch'egli ritenuto vicino alle cosche. La pena chiesta è rispettivamente di 16 anni e mezzo di carcere e 11 anni. Tra i condannati anche Ambrogio Crespi (fratello del noto sondaggista) a 12 anni.

(ultimo aggiornamento 19:06)