In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Tino Scopelliti riconfermato vicepresidente nazionale Asi

Calabria Sport

Tanto sport, tanta storia, e soprattutto tanti traguardi raggiunti. Questi gli argomenti che hanno costituito il fil rouge del Congresso Nazionale dell’Asi, al termine del quale si è proceduto al rinnovo di tutti gli organi centrali dell’Ente. Ad ospitare la IX Assemblea Nazionale la splendida cornice del Teatro Comunale di Fiuggi.

“Tempi migliori. 1948-2017: la destra e lo sport, una storia di impegno e amore”, il titolo della mostra commemorativa della storia dell’Ente che ha fatto da sfondo a due giorni di intensi lavori. Una bella retrospettiva che attraverso immagini, contributi e reperti ha narrato il percorso dell’Asi dalle origini fino ai giorni nostri: dal Centro Nazionale Sportivo Fiamma (Roma, 1948), ad Alleanza Sportiva italiana (Latina, 1994) fino all’odierna ASI – Associazioni Sportive e Sociali Italiane (Montesilvano, 2012).

Molte le attività svolte nel corso di queste due intense giornate: l’approvazione delle modifiche statutarie deliberate dalla Giunta; l’attribuzione del Premio Asi “Italiani nel mondo” istituito per rendere giusto omaggio a uomini e donne che, pur lasciando l’Italia, ne hanno custodito i colori e i valori, diffondendoli anche all’estero; un riconoscimento particolare è stato riservato alla campionessa di atletica leggera, Ileana Salvador.

Di particolare interesse l’intervento del Presidente Nazionale, Claudio Barbaro,: “ Una crescita strutturale, quella dell’Asi, che inorgoglisce – sono state le parole di Barbaro -. Da 5 mila associazioni affiliate, e da i quasi 300 mila tesserati del 2012, siamo giunti, nel 2016, a oltre 10 mila associazioni affiliate e quasi 800 mila tesserati, triplicando il numero dei tesseramenti in soli 4 anni. Inoltre, nell’anno 2016, l’ASI si è piazzata al secondo posto nella classifica degli Enti di promozione, per l’organizzazione di eventi e manifestazioni sportive, settore che rappresenta un fiore all’occhiello per tutto il Movimento”.

Dunque si è passati all’elezione delle cariche di vertice dell’Ente con la riconferma dei dirigenti calabresi Tino Scopelliti e Vittorio Fanello in Giunta nazionale, Pino Scianò alla Presidenza del Consiglio Nazionale e Giuseppe Agliano e Nino Girella quali componenti del Consiglio stesso.

New entry in consiglio nazionale per il reggino Filippo Marra, ormai da anni residente in Lombardia.

Al termine del Congresso si è svolta la prima giunta nel corso della quale il Presidente Barbaro, ha proposto la nomina dei Vicepresidenti con l’attribuzione della deleghe: il padovano Andrea Albertin ai “Rapporti con i Comitati Periferici”, i romani Alessandro Levanti ed Emilio Minunzio rispettivamente agli “Affari legali” e alla “Struttura centrale operativa”, il reggino Tino Scopelliti alla “Programmazione e sviluppo eventi nazionali” e il bolognese Alberto Vecchi agli “Sport agonistici”. La Giunta ha approvato i nomi proposti all’unanimità.

Una riconferma per Tino Scopelliti, già Vicepresidente per alti meriti sportivi, con una delega ancora più prestigiosa e strategica per lo sviluppo dell’Ente.

Sarà lo stesso Scopelliti, infatti, a coordinare l’organizzazione di campionati importantissimi per l’Associazione come i Campionati nazionali di calcio, nuoto, arti marziali, atletica leggera, e la programmazione di manifestazioni sportive come il ”Trofeo Bravin” e Asiadi che verranno realizzate in tutta Italia.

“Una crescita esponenziale – sono state le parole del Vicepresidente Scopelliti – dovuta al grande lavoro svolto da buona parte dei dirigenti dell’Ente, a livello centrale e periferico, lavoro gestito con professionalità e competenza da tanti responsabili di settore. La strada intrapresa anche per la comunicazione e l’innovazione tecnologica rappresenta una fase importante e fondamentale che consente all’ASI di auspicare un futuro ancora più proficuo”.