In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Drugstore anche in Italia, Federfarma ci riprova

Calabria Salute

Ci avevano provato con il disegno di legge Gasparri-Tomassini e con numerosi emendamenti nei più svariati Dl, ci provano ancora una volta sperando nell'accondiscendenza di alcuni parlamentari Pd. La Federfarma prova a togliere l'obbligo della presenza del farmacista nelle parafarmacie.

Il progetto "allo studio" del sindacato sostengono dal Movimento Nazionale Liberi Farmacisti - è sempre lo stesso: “concedere la vendita in tutti gli esercizi commerciali di pochi farmaci senza il farmacista in cambio della chiusura delle parafarmacie. Mentre il grande capitale si appresta a sbarcare nel pianeta farmacie italiano, i rappresentanti dei titolari di farmacia non hanno niente di meglio da fare che occuparsi della vera "spina" nel fianco: le parafarmacie”.

“Come non dare loro torto: i farmacisti che operano in questi esercizi – ribadiscono dal Movimento - hanno tutti i requisiti per dispensare tutti i farmaci, quindi ragioni per rivendicare di esercitare appieno il proprio ruolo. Far ritornare indietro l'orologio legislativo significa per Federfarma azzerare un pericolo che sarà sempre dietro l'angolo. Quello che sorprende è come certi parlamentari si prestino, mentre la disoccupazione giovanile sale al 40% a queste operazioni corporative. Il Paese non ha più l'ascensore sociale bloccato, da tempo ha cominciato a scendere”.

“Una legislatura – aggiungono i Liberi Farmacisti - l'ultima che sarà ricordata per il vuoto assoluto di politiche di crescita economica, con un disegno di legge, quello della concorrenza, sacrificato sull'altare dell'interesse politico-corporativo. Mentre il Paese rimane sostanzialmente bloccato con larghe fette della società che non riescono a vedere alcun orizzonte, si continuano a proteggere caste ed corporazioni nel vano tentativo di acquisire consenso, consenso reale solo sulla carta come l'ultimo referendum ha dimostrato”.

“Il tutto naturalmente ignorando la tutela della salute dei cittadini e permettendo per mero interesse, il fai da te nell'uso dei farmaci. A Federfarma – concludono - un suggerimento: si occupi di altro, le partite perse non si possono riaprire con trucchi o escamotage. Le partite perse servono per imparare".