In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Nuova ondata di maltempo in Calabria: è allerta “rossa”, alto il rischio alluvioni

Calabria Cronaca
40 notizie correlate

Una perturbazione attiva sul Mediterraneo centrale sta determinando una fase di forte maltempo, caratterizzata da intensi temporali e venti di scirocco, su Sicilia e Calabria in estensione, da domani, anche su Basilicata e Puglia.

Sulla base delle previsioni, il Dipartimento della Protezione Civile e d’intesa con le Regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende quello diffuso nella giornata di ieri.

I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede dal pomeriggio di oggi, domenica 22 gennaio, il persistere di precipitazioni diffuse ed abbondanti, a prevalente carattere di rovescio o temporale, specie sui settori orientali della Sicilia con venti di burrasca o burrasca forte dai quadranti orientali e mareggiate lungo le coste esposte.

Dalle prime ore di domani, lunedì 23 gennaio, si prevede sulla Calabria il persistere dei fenomeni temporaleschi, specialmente sui settori ionici con venti di burrasca o burrasca forte dai quadranti orientali e mareggiate lungo le coste esposte.

Le precipitazioni a carattere di rovescio o temporale interesseranno, dal pomeriggio di domani, anche Basilicata e Puglia, con venti forti o di burrasca su Basilicata e Puglia centro-meridionale, mareggiate lungo le coste esposte. I temporali saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Sulla base dei fenomeni che sono stati previsti è stata valutata dunque per lunedì 23 gennaio l’allerta rossa sul versanti ionico meridionale e centrale e tirrenico meridionale della Calabria e sulla Sicilia nord orientale. Allerta arancione sul bacino del basso Fortore in Puglia, sulle restanti zone della Calabria e sulla Sicilia centro-settentrionale. Prevista, inoltre, allerta gialla su Marche, Abruzzo, Basilicata, Molise, sul versante orientale della Sardegna e sulle restanti aree di Puglia e Sicilia.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile, insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo.

Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.

ALLERTA: LUNEDÌ SCUOLE CHIUSE

Visto il bollettino di Allerta Meteo di livello 2, codice rosso, diramato dalla Protezione Civile Regionale, il Sindaco di Reggio Calabria ha ordinato la chiusura di tutte le scuole per lunedì 23 gennaio così da consentire alle Autorità competenti vi verificare danni e ripristinare eventuali parti di edifici pericolanti oltre che per assicurare la sicurezza della viabilità. Anche il programmato Consiglio Comunale dei Ragazzi, inizialmente convocata per alle 9.30, è stato rinviato.

Scuole chiuse, domani, anche, a San Roberto, sempre nel reggino dove il Comune ha raccomandato alla popolazione la massima prudenza invitandoli a mettersi in viaggio solo se necessario comunque evitando di avvicinarsi a corsi d’acqua e sottopassi.

Stessa decisione è stata presa anche dai sindaci di Catanzaro e di Crotone che hanno ordinato le porte chiuse in tutti gli istituti così come hanno fatto i colleghi di molti comuni della Locride.