In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Licenziamenti Urbi-Anbi: sindacati esprimono amarezza

Calabria Attualità

I segretari delle organizzazioni sindacali di categoria territoriale e regionale Fai Cisl Flai Cgil Filbi Uil esprimono “amarezza e delusione per i licenziamenti a cui ha proceduto l'Urbi-Anbi Calabria, - si legge in un comunicato - nonostante le organizzazioni sindacali avessero chiesto un incontro con Regione e Urbi per individuare tutte le possibili soluzioni atte ad evitare la perdita di posti di lavoro. Le Organizzazioni sindacali di Categoria avvieranno tutte le procedure a tutela dei lavoratori licenziati dalla struttura regionale Anbi-Urbi Calabria.”

“E' inaccettabile - ad avviso delle organizzazioni sindacali - l'atteggiamento degli amministratori dell'ente che non solo non hanno cercato soluzioni alternative perseguendo la strada del dialogo e della partecipazione, quanto neppure hanno convocato le organizzazioni sindacali di categoria per informarle preventivamente di ciò che stavano deliberando. Come organizzazioni sindacali valuteremo sotto tutti i profili le forme di gestione e programmazione che ha adottato l'Urbi Anbi Calabria negli ultimi anni. È evidente – continua la nota - che da parte dei vertici dell'ente si chiedono continui sacrifici al personale, fino ad arrivare al licenziamento di due unità, mentre al contrario si registrano spese per organizzazioni di eventi di cui si potrebbe fare tranquillamente a meno. Vorremmo sapere se la spending review è stata adottata anche dagli amministratori, sacrificando spese inutili, o se i sacrifici economici vengono pretesi solo dall'anello più debole, ossia quello dei lavoratori, che finiscono per pagare anni di cattiva gestione. Chiediamo un intervento della Regione, perché vengano annullati i licenziamenti,- conclude la nota - e auspichiamo che tutte le istituzioni competenti approfondiscano e chiariscano quanto sta avvenendo all'interno dell'ente; così come, a seguito di segnalazione delle Organizzazioni sindacali di Categoria, ha già fatto sua eccellenza il Prefetto di Catanzaro che con una apposita nota ha chiesto, alla Presidenza della Giunta Regionale ed al Presidente dell'Urbi-Anbi Calabria, di fornire con sollecitudine dettagliate notizie sulla vicenda e chiedendo di adottare ogni utile iniziativa volta al mantenimento dei livelli occupazionali.”