In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Fondi “distratti” per sottarsi al pignoramento? Tegola per Scopelliti: la moglie accusata di riciclaggio

Reggio Calabria Cronaca

Un’altra tegola s’abbatte sull’ex presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti. Dopo la condanna a cinque anni inflittagli, nel dicembre scorso, dalla Corte d’Appello di Reggio Calabria nell’ambito dell’ormai noto “caso Fallara”, nello stesso mese la Guardia di Finanza di Reggio Calabria - coordinata dalla Procura - ha eseguito un decreto di sequestro preventivo “per equivalente (per circa 100 mila euro) a carico della moglie, Barbara Varchetta.

Nei confronti dell’ex governatore e della consorte gli inquirenti ipotizzano, per Scopelliti il reato di mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice e per Varchetta quello di riciclaggio.

La vicenda nasce dalla sentenza emessa nel novembre 2013 dalla Sezione Giurisdizionale Centrale d’Appello della Corte dei Conti, che ha condannato Scopelliti a risarcire al Comune di Reggio Calabria, per danno erariale, la somma di 300 mila euro. In ragione della stessa sentenza, il 3 luglio del 2014 il Comune della città dello Stretto ha notificato un atto di precetto all’ex sindaco. Quest’ultimo, però, non avendo pagato, è stato raggiunto - il 6 ottobre dello stesso anno - da un atto di pignoramento presso terzi, con l’ingiunzione ad astenersi dal sottrarre le somme eventualmente depositate presso le banche.

Le indagini effettuate, supportate da riscontri analitici e da accertamenti bancari, avrebbero però accertato che l’ex governatore, il 23 settembre del 2014 e il 2 ottobre successivo, quindi in prossimità della notifica dell’atto di pignoramento, avrebbe richiesto e ottenuto il rimborso di una polizza vita, da oltre 15 mila euro, e di titoli del controvalore di 80 mila euro.

Sempre quel 2 di ottobre l’ex governatore avrebbe poi effettuato un bonifico da 100 mila euro in favore della moglie che, nella stessa data, ne avrebbe a sua volta investiti 80 mila in una nuova polizza assicurativa a proprio nome.