In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Consorzi bonifica, Manno: impegni del consigliere D’Acri, si passi ai fatti!

Calabria Attualità

“Le dichiarazioni con impegni precisi da Mauro D’Acri, consigliere regionale con delega all’agricoltura, sui Consorzi di Bonifica sono il segno eloquente, che si è riacceso l’interesse sul ruolo ed importanza dei Consorzi di Bonifica in Calabria”.

Lo afferma Grazioso Manno, in qualità di portavoce dei Consorzi di Bonifica Basso Ionio Reggino, Ionio Catanzarese, Tirreno Vibonese e Tirreno Reggino. “Le Istituzioni Regionali al massimo livello, con i Presidenti della Giunta Mario Oliverio e del Consiglio Nicola Irto – sostiene Manno - stanno imponendo una accelerazione decisiva sia per ammodernare il rapporto con i consorziati, con la decisiva e importante approvazione dei Piani di Classifica, sia nel ribadire come indispensabili le competenze e funzioni esercitate dagli enti di bonifica nel governo del territorio e per lo sviluppo e consolidamento di una agricoltura di qualità”.

“Questo – prosegue il portavoce dei Consorzi – ben si raccorda con una rinnovata disponibilità di risorse sul bilancio regionale che, seppur minima, consideriamo significativa, per gli investimenti indispensabili e non più rimandabili sul fronte della sicurezza idraulica. La rivisitazione dell’art. 23 lettera a) della Legge 11/2003 io stesso in qualità di portavoce dei colleghi presidenti dei Consorzi Basso Ionio Reggino, Tirreno Reggino e Tirreno Vibonese più volte l’ho auspicata e credo sia lo snodo decisivo per l’approvazione dei Piani di Classifica da parte del Consiglio regionale”.

“Si fa strada – commenta Manno – una netta considerazione positiva di Enti evidentemente importanti che si traducono in tutte quelle funzioni – di scolo, difesa idraulica, irrigazione e tutela del suolo – gestite sinora con trasparenza e professionalità dai Consorzi mediante il sistema dell’autogoverno, capace di garantire una collaborazione fattiva ed efficace tra agricoltori – custodi del territorio – , Amministrazioni Comunali e organi di gestione degli enti”.

“La salvaguardia del territorio, nella tutela della risorsa acqua (bene comune e fonte esauribile di vita) con un suo ragionato utilizzo, imprescindibili equilibri ambientali, nel determinare una equa distribuzione dei costi sono gli assi portanti dell’attività consortile. I Consorzi – ribadisce – si vogliono caratterizzare sempre di più come presidio fondamentale per garantire la tenuta del territorio e per mantenere saldo il rapporto tra città e campagne e il riaccendersi dell’interesse e del protagonismo dei Consorzi di Bonifica anche nella gestione delle emergenze è un fatto positivo che salutiamo con enorme soddisfazione”.

“Adesso si passi ai fatti – concludono Caridi, Manno, Piccione e Zerbi – ad iniziare dall’approvazione dei Piani di Classifica da parte del Consiglio Regionale".