In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Divieto movimentazione bestiame: nel 2016 danni per gli allevatori calabresi

Calabria Attualità

L’impossibilità a trasferire gli animali vivi della specie bovina e ovi-caprina fuori dai confini regionali quest’anno ha generato per gli allevatori calabresi, rispetto agli anni scorsi, una perdita secca di oltre 10,5 milioni di euro dalla vendita di vitelli, agnelli e capretti.

Infatti afferma Pietro Molinaro presidente di Coldiretti Calabria “i prezzi di vendita hanno portato una perdita a capo di 100 € per i vitelli e 80 cent. al kg per gli agnelli e 1,20 cent. al kg per i capretti peso vivo”. Queste le risultanze elaborate dalla Coldiretti Calabria sulla consistenza dei capi presenti nella Banca Dati Nazionale dell’anagrafe zootecnica istituita dal Ministero della Salute presso il CSN dell’Istituto "G. Caporale" di Teramo.

“Tale situazione scaturisce dalla restrizione della movimentazione a causa della mancanza di vaccino. Gli allevatori stanno facendo i conti anche per gestire situazioni organizzative “al limite” che comportano costi aggiuntivi. Una regione agricola a forte vocazione zootecnica soprattutto nelle aree interne – continua Molinaro - non può continuare a subire le inefficienze delle strutture pubbliche e in particolare di un ‘Task force veterinaria’ che continua ad operare distruggendo la zootecnia calabrese. Nel modo assoluto – conclude – nel 2017 non si può continuare ad operare in questo modo: necessità una assunzione di responsabilità da parte dei Servizi Veterinari del Ministero della Salute, del Commissario alla Sanità e del Presidente della Regione al fine di avere certezze sulla possibilità di poter continuare ad allevare in Calabria”.