In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Rischio idrogeologico, arriva il Certificato di Qualità Aziendale

Calabria Attualità

Il 2016 si chiude con una importantissima notizia per la Regione Calabria. Il 20 dicembre scorso, infatti, il RINA Services, organismo accreditato (ai sensi del Regolamento CE765/2008 del Parlamento e del Consiglio Europeo) ha rilasciato all’Ufficio del Commissario per la mitigazione del rischio idrogeologico della Regione, il certificato di qualità aziendale secondo le norme UNI EN ISO 9001.

Il riconoscimento è un fatto di straordinaria importanza e rappresenta un traguardo di assoluto rispetto, che garantirà altissimi livelli di efficienza ed economicità anche nella prossima gestione del Patto per il Sud nel quale sono previsti investimenti per quasi 400 milioni di euro nel campo della mitigazione del rischio idrogeologico in Calabria.

L’Ufficio del Commissario, che opera in qualità di stazione appaltante, in adempimento ai compiti assegnatigli per l’espletamento di tutte le procedure necessarie all’avvio delle opere di mitigazione del dissesto idrogeologico nel territorio regionale, ha ritenuto indispensabile intraprendere questo percorso di certificazione, durato quasi un anno ed iniziato già prima dell’entrata in vigore del nuovo Codice dei Contratti Pubblici, così da mantenere e consolidare i risultati raggiunti nel corso dell’ultimo biennio di lavoro.

“L’importante traguardo – affermano dall’ente - è una tappa fondamentale di una complessa attività che potrà consentire all’Ufficio del Commissario di confermarsi Centrale di Committenza, non appena saranno emanate da parte dell’ANAC le modalità attuative del sistema di qualificazione delle stazioni appaltanti di cui all’art.38 commi1-5 dlgs50/2016. Già da oggi comunque, con il rilascio di tale attestato l’Ufficio è abilitato quale ente certificatore regionale di progetti di opere pubbliche fino al massimale di 20 milioni di euro”.

Nel corso delle numerose verifiche compiute sui procedimenti in atto, i certificatori hanno potuto constatare la corretta applicazione di tutte le normative di settore, riscontrando anche il bassissimo livello di contenzioso legale, con una percentuale di soccombenza prossima allo zero.

L’Ufficio del Commissario è oggi costituito da un piccolo gruppo di funzionari pubblici altamente specializzati, in formazione ed aggiornamento continui, che svolgono un numero altissimo di procedimenti nel campo delle opere pubbliche.

In particolare, le gare per l’affidamento delle opere vengono svolte esclusivamente attraverso una piattaforma telematica, nel rispetto dei tempi previsti e delle normative di legge. Anche i pagamenti, che sono effettuati con la piattaforma telematica del MEF a valere su una contabilità speciale intrattenuta presso la Banca d’Italia, avvengono nell’assoluto rispetto dei tempi e delle modalità previste (all’articolo 33 del dlgs 33/2013).