In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

“Rischio strangolamento”, ritirato dal mercato cancelletto per bambini

Calabria Salute

Il Rapex (Rapid Alert System for non-food consumer products), il sistema di allerta rapido all'interno della UE sui prodotti di consumo pericolosi, ha annunciato la misura ordinata dalle autorità pubbliche (Avviso numero: A12/1757/16) del ritiro dal mercato di un articolo di puericultura e attrezzatura per bambini.

Nello specifico si tratta del cancelletto di sicurezza per bambini "Prénatal traphek hout" della Prénatal, modello Minerva 71-102 cm; typenummer: 2-201500705 codice a barre: 8717568073002.

Sembra infatti che l’articolo possa mettere in pericolo l’incolumità dei bambini. Più precisamente, c’è il pericolo che i bambini rimangano intrappolati con la testa tra le sbarre, che sono troppo larghe, causando difficoltà respiratorie o strangolamento.

Inoltre, il cancello di sicurezza avrebbe gli angoli sporgenti dove le vesti di un bambino potrebbero impigliarsi, causando lo strangolamento ed inoltre non sarebbe sufficientemente alto: un bambino potrebbe salirci su e cadere.

“Il richiamo del prodotto dai consumatori - evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” - è stato avviato in quanto non conforme alla norma tecnica europea EN 1930. Alle persone che hanno acquistato questo prodotto si consiglia di sospenderne subito l’utilizzo e di riportarlo al punto accoglienza del negozio Prénatal di riferimento. Il rischio costituito dalla larghezza delle sbarre non è sottovalutabile”.

“Infatti – sostiene ancora D’Agata - le aperture tra le barre sono troppo distanziate fra di loro e lo spazio, che c’è tra di esse, è troppo largo. Per tale motivo, a rischio è dunque l’incolumità per i bambini di pochi mesi. Mentre giocano, infatti, potrebbero infilare la testa all’interno e rimanerci incastrati rischiando il soffocamento. Così come potrebbero incastrarsi anche braccia e gambe o cadere perché non sufficientemente alto”.