In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Ritirata la pasta d’acciughe “Balena”: provoca allergie

Calabria Salute

Ritirato dai supermercati un lotto di pasta d'acciughe: l'azienda ha sbagliato l'etichettatura e nel prodotto è presente una quantità di solfiti che può provocare allergie. A darne l'annuncio per prima è stata la catena di supermercati Auchan. Sulla sua pagina ufficiale ha diramato un annuncio nel quale spiega per filo e per segno cosa sta succedendo. Il lotto interessato al ritiro è: 80031048 con scadenza il 27 gennaio 2018. La pasta d'acciughe di questo lotto contiene solfiti (anidride solforosa ndr)) e la presenza di questo allergene non è segnalata tra i componenti dell’etichetta. Per questa ragione, in via precauzionale, l’azienda produttrice ne ha disposto il ritiro dal mercato. "Invitiamo i consumatori - si legge sul sito della Auchan, in possesso del prodotto del lotto indicato, in caso di allergia o intolleranza ai solfiti, a non consumare il prodotto e di riconsegnarlo al punto vendita. In caso contrario consumare regolarmente il prodotto.

Non soltanto Auchan è interessato al ritiro di questo prodotto, ma tutti i supermercati che hanno esposti sui loro scaffali questo lotto. Perciò, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, associazione ormai punto di riferimento per la sicurezza alimentare in Italia, controllate attentamente il vostro prodotto e se siete intolleranti o allergici ai solfiti con consumatelo e riportatelo indietro. Le allergie ai solfiti, solitamente, danno luogo a sintomi e malori lievi come vampate di calore, ma possono anche portare a mal di testa e senso di pesantezza, a perdite di peso, a carenze vitaminiche, soprattutto del gruppo B. In caso di allergia, invece, si presentano sotto forma di orticaria, eczemi, riniti, diarrea e, nelle forme più serie, attacchi di asma e manifestazioni respiratorie gravi.