In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Riforma del “Welfare”: Oliverio e Roccisano illustrano i dettagli

Calabria Attualità

Il Presidente della Regione Mario Oliverio e l’Assessore alle Politiche sociali Federica Roccisano, lunedì prossimo, 12 dicembre, alle ore 15, nella sede della Cittadella, - sala verde- interverranno ad un incontro sulla Riforma del “Welfare” approvata dalla Giunta lo scorso mese. Il Presidente Oliverio e l’Assessore Roccisano si confronteranno con gli attori coinvolti: Comuni , Terzo Settore, organizzazioni sindacali e del volontariato, sulla Riforma che prevede , finalmente, l’applicazione della Legge Nazionale 328/2000 e della legge regionale 23/2003. Tale Riforma è la sintesi di un lavoro iniziato nel 2015, che ha coinvolto questi gli attori ad un Tavolo di lavoro realmente operativo.

Il Tavolo tecnico è stato costituito ed avviato nel settembre 2015 e dopo dieci mesi di intenso e sinergico lavoro con il partenariato sociale, l’anci, il terzo settore, le organizzazioni sindacali e superando le inimmaginabili difficoltà dovute alla portata della riforma, sono stati definiti il regolamento per l’autorizzazione, l’accreditamento e la vigilanza delle strutture socio assistenziali, i diversi allegati relativi ai requisiti generali, alla determinazione dei costi e le modalità di calcolo delle rette, nonché il funzionamento dell’ufficio di piano degli ambiti.

“Ogni aspetto della Riforma – ha detto l’Assessore Roccisano - quindi, è stato concertato e condiviso, non nelle sole stanze dell’amministrazione, ma con chi metterà realmente in pratica la Riforma. Inoltre, comprendendo la preoccupazione di tutti i soggetti coinvolti nel processo di riforma , Regione, Comuni, Strutture e, soprattutto, dei soggetti più deboli, che sono i veri destinatari della Riforma, si è prevista una fase transitoria della durata di un anno, nella quale sarà operato, progressivamente, il trasferimento di funzioni, verificata in concreto la capacità dei comuni ad affrontare le problematiche connesse allo svolgimento dei servizi con il supporto degli uffici regionali e del partenariato sociale e garantendo, nel contempo, il prosieguo dei servizi. Di questo e degli “step” necessari per portare la Regione al livello delle altre Regioni d’Italia, si parlerà il prossimo lunedì, dando anche voce a chi ha lavorato alacremente e in maniera del tutto gratuita in questi mesi, ai quali va il ringraziamento di tutta la Regione perché ha contribuito ad inaugurare una fase di coprogettazione e partecipazione”.