In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Referendum, il Comitato Libersi di Lamezia è per il Sì

Catanzaro Politica

In un incontro tenutosi presso la Sede “del Comitato Libersi SI” di Lamezia, di cui è presidente Salvatore De Biase, è stato discusso un ordine del giorno sul prossimo referendum del 4 dicembre. Nell’occasione è stato ribadito dal comitato “che nel tempo si è sempre detto che era necessario riformare la Costituzione; che occorreva ridurre i parlamentari; che lo Stato doveva riappropriarsi dei grandi temi come l’ambiente la Sanità, per evitare che, anche nel curarsi, vi fossero cittadini di sere A e di serie B; che il bicameralismo era frenante; che occorreva una stabilità governativa; che emerge una Legislazione concorrente, tra Regioni e Stato, che spesso chiama la Corte Costituzionale per dipanare competenze e ruoli (tra Stato e Regioni)i; che molti governi, sulla riforma costituente, avevano fallito. Ed ora che tutto questo si vuole fare, c'è chi dice no!”.

“Eppure – ricorda il Presidente Comitato lametino - tante volte si è tentato di riformare la Costituzione: 1983/1985 la Commissione bicamerale Bozzi (dal nome del suo presidente); 1982-1994, De Mita-Iotti, Commissione bicamerale; 1994 Comitato Speroni, governo Berlusconi; 1997-1998, Commissione bicamerale D’Alema; 2002-2004, Comitato Brigandì, governo Berlusconi II; 2005, il Progetto di revisione approvato dalle Camere; 2006, IL Referendum costituzionale che ha bocciato il progetto approvato dalle Camere; 2007, On. Violante ,il Progetto della I Commissione della Camera); 2013, Governo Letta, con On. Quagliariello); infine oggi , 2016, il governo Renzi, addirittura Berlusconi e Forza Italia inizialmente avevano collaborato alla scrittura della riforma, votandola anche in Parlamento). A parte il fatidico “Patto del Nazzareno”

Per De Biase, dunque, ed entrando nel merito la riforma si occupa di “modernizzare e portare il Paese Italia, in Europa con maggiore credibilità e decisionismo ; Istituire i Referendum propositivi per una democrazia partecipativa dei cittadini (finora esistevano quelli di negazione; e non si dica che le 150,00 firme oggi sono tante, perché le 50,00 previsti alla nascita della Carta Costituzionale, ovvero il 1948, il sistema comunicazione era quello che era: Superare il Bicameralismo, frenante, con la «navetta», delle leggi tra Camera e Senato, solo il Romania esiste il Bicameralismo, nel resto d’Europa no). Istituire il senato delle Regioni, rappresentativo dei territori, che supera la limitata azione della Conferenza tra Stato e Regioni; Azzerare i senatori a vita che diventano quindi una categoria a esaurimento. Ridurre i costi della Politica, con i senatori da 315 a 100, con forti risparmi sulle indennità attualmente corrisposte.; Eliminare l'inutile e costoso (Cnel).”

Secondo il Comitato è “determinare una nuova legge elettorale, dove chi vince governa; superare le province per favorire le aree vaste. E dove vincesse il no? In futuro – sostiene De Biase - si potrà mai più dire riformiamo la costituzione? In tanti risponderebbero: gli italiani si sono già espressi”.

Nell’occasione dell’incontro, poi, è stato sottolineato che all’atto della costituzione le sedute sono state 170. “Oggi – spiega ancora il comitato - si è lavorato per 173 sedute, l'Assemblea costituente aveva avuto 606 votazioni, 292 approvazioni e 315 respingimenti, ( 5.271 sono state oggi le votazioni in questo procedimento.) In sede di Assemblea costituente vi erano stati 1.090 interventi, (4.776 quelli attuali ) Sono state presentate 1.663 proposte emendative in sede di Assemblea costituente, oggi, anche strumentalmente, (83.322.708 milioni)”.

E poi il presidente del Comitato di Lamezia ricorda i padri costituenti: “come Meuccio Ruini, 22 dicembre 1947, parla all'Assemblea costituente in qualità di relatore del testo e dice: la seconda parte della Costituzione, Ordinamento della Repubblica, ha presentato gravi difficoltà, non abbiamo risolto con piena soddisfazione tutti i problemi istituzionali, ad esempio per la composizione delle due Camere e per il sistema elettorale. insomma, con la vittoria del si, il Senato svolge un’altra funzione, ovvero quella di camera di compensazione tra Stato e Regioni. la Camera legifererà in maniera autonoma: per approvare una legge, quindi, non ci sarà più bisogno di un voto favorevole da parte di entrambi i rami del Parlamento; Il nuovo Senato sarà a rappresentanza regionale e dei sindaci, quindi migliore rapporto col Governo centrale, maggiore conoscenza e sinergia col territorio amministrativo; Il ricorso ai decreti Legge, saranno limitati. Un po’ tutti i governi ne hanno abusato, con la giustificazione della necessità e dell’urgenza dei provvedimenti. Sulle Materie strategiche – conclude - lo Stato centrale sarà più forte: tra le quali i trasporti e l’energia. Si ridurrà il contenzioso Stato-Regioni, e quindi il ricorso davanti alla Corte Costituzionale. Per tutte queste ragioni l’invito è quello di votare e di spendersi per il SI”.