In questa nuova edizione di CN24 tutte le copertine, come la prima pagina e le pagine delle province, si aggiornano automaticamente mostrando le nuove notizie. Inoltre, le categorie come Cronaca, Attualità ecc. sono riordinate in base agli articoli che leggi più spesso.

Appalti con l’appoggio del clan, confiscati i beni a due imprenditori edili

Catanzaro Cronaca

La Direzione Investigativa Antimafia di Catanzaro ha avviato l’esecuzione di un decreto di confisca, emesso dalla Corte d’Appello del capoluogo e divenuto definitivo a seguito del vaglio della Corte di Cassazione, con il quale è stata disposta l’acquisizione al patrimonio dello Stato delle aziende riconducibili a due imprenditori edili lametini, Davide Orlando e Roberto Piacente, arrestati e condannati per associazione a delinquere di stampo mafioso nell’ambito dell’operazione “Piana”.

Il provvedimento ha colpito le quote sociali e il compendio aziendale della “Calcestruzzi S. Antonio di Serafino Piacente”, della ditta individuale “Dafram Costruzioni Edili di Caterina Bruno”, diversi beni immobili e mobili registrati e mezzi industriali: il tutto per un valore complessivo stimato in oltre due milioni di euro.

L’ITER GIUDIZIARIO che riguarda i due imprenditore è iniziato nel 2013 con l’ordinanza di custodia in carcere emessa nei confronti di quattro persone, tra cui Orlando e Piacente, ritenute “organiche” alla cosca Giampà di Lamezia Terme.

Dalle investigazioni eseguite dalla Dia, coordinate dalla Procura Distrettuale, è emerso che gli imprenditori sarebbero stati, appunto, referenti del clan e, grazie a soggetti che facevano parte della consorteria mafiosa, avrebbero così ottenuto importanti appalti scavalcando la concorrenza e prevalendo, dunque, su altre imprese. Cosa che gli avrebbe consentito di assicurarsi una quota di guadagni definiti “illeciti” garantendosi anche l’infiltrazione nel tessuto economico di Lamezia Terme.